Nintendo Switch: le risposte alle domande di amici e colleghi – Dr. Nintendo

L’analisi del Dr. Nintendo sulla nuova console ibrida di Nintendo fatta rispondendo alle domande del web della redazione di Gamempire.

Introduzione

C’è voluto molto tempo per spulciare e analizzare tutto il materiale offerto in questi giorni riguardo Nintendo Switch, la nuova console ibrida dell’azienda giapponese che approderà sul mercato il prossimo 3 marzo 2017. Tra trailer, presentazioni, Treehouse live e notizie successive di materiale ne è arrivato talmente tanto che perfino la mia segretaria Peach ha dovuto prendere un piccolo aiutante dal cappello a fungo bianco e rosso per portare su in studio tutte i documenti e le immagini relative a quanto mostrato dal 13 Gennaio fino ad oggi. E nonostante le presentazioni siano finite il flusso di informazioni sta continuando anche mentre butto giù le prime righe di questo articolo.

Avendo seguito in diretta la presentazione alle 5 del mattino e avendo recuperato anche le altre dirette successive, ho seriamente dimenticato la differenza tra il giorno e la notte rivedendo per ore tutti i video e analizzando il materiale (forse sono diventato un vampiro o un Boo!). Ma tutto questo era necessario perché, dopo aver dato a Nintendo Wii U l’ultimo saluto (o penultimo, dipende dal punto di vista su Breath of the Wild), era ora di puntare i riflettori su Nintendo Switch e capire quanto il suo gimmick ha fatto o potrà far breccia nel cuore dei videogiocatori.

Dr. Nintendo Switch domande

Visto che gli argomenti erano molteplici ho chiesto ad amici e colleghi di pormi le loro domande riguardo le caratteristiche di Nintendo Switch in modo da dare le risposte e le opinioni più dirette e utili possibili per offrire a loro e a voi la mia più completa idea su questa nuova console ibrida e sui dubbi che essa ha generato. Ovviamente la mia segretaria è stata la prima a subissarmi di domande, ma non sono mancati anche quesiti di altre persone e conoscenti da sempre lontani dal mondo Nintendo, segno che la curiosità attorno a questo progetto è tanta.

Iniziando da i miei commenti a caldo, posso sintetizzare il mio pensiero su Nintendo Switch con i tre tweet che ho pubblicato sul mio profilo personale.

Nintendo considera Switch una home console anche se portatile.

Il marketing di Nintendo si è fatto più adulto e adatto ai tempi moderni.

Nintendo è ancora convinta che per valorizzare le sue IP non debba farle scontrare al lancio con third party di peso.

Ma questa non può che essere una estrema sintesi del vasto ventaglio di caratteristiche, infrastrutture e titoli che sono stati mostrati o accennati. Alcune di queste forse sono troppo in là da venire o troppo poco approfondite per capire il loro reale valore o definirne i contorni, ma il quadro che abbiamo finora è abbastanza ampio da meritare una serie di analisi e risposte ad alcuni quesiti.



Caporedattore di Gamempire. Dalla sua batcaverna nel Sannio scruta verso l'orizzonte Nintendo. Una IPA fresca e un buon GdR bastano per tenerlo buono per un po'. Il suo tallone d'Achille sono gli FPS soprattutto online, dove è carne da macello. Mi trovate a casa Nintendo, ma gli altri lidi non mi sono sconosciuti.