Pokémon Sole e Luna: 5 modi alternativi di giocare – Dr. Nintendo

Nintendo ci ha dato un prodotto già ottimo per i nostri 3DS, ma noi possiamo divertirci ancora di più con qualche piccolo accorgimento.

La particolare nuova concezione del gameplay e della trama dei nuovissimi Pokémon Sole e Luna ha spiazzato molti utenti e io in primis, appena la mia segretaria Peach mi ha portato la mia copia del gioco da provare, all’avvio non ho potuto fare a meno di fermarmi un attimo e cercare di capire se era tutto vero o se fossi finito in un universo parallelo, perché i Pokémon senza palestre fanno stano. Ci ho messo un po’ a prendere confidenza con questa nuova regione, Alola, e le sue isole frastagliate e piene di percorsi e zone tutte diverse.

Finita la fase di ambientamento ho notato, come la recensione di Pokèmon Sole e Luna che ho redatto mette in evidenza, che, nonostante sia qualitativamente un ottimo prodotto (i dettagli nella recensione già cititata), il gioco abbia un livello di sfida non altissimo seppur contornato da alcuni picchi impegnativi negli scontri con i Pokémon dominanti.

dr-nintendo-pokemon-sole-luna-5-modi-altrenativi

L’avventura è godibilissima, ma da giocatore di vecchia data della serie, mi sono posto una domanda: e se qualcuno volessero trovare qualche stimolo in più in queste ultime incarnazioni di Pokémon? Così mi sono chiesto come poteva un giocatore mettere un po’ pepe a questa avventura già ben speziata per stimolare l’interesse nel portare avanti l’avventura.

Così ho trovato cinque modi alternativi per iniziare a giocare a Pokémon Sole e Luna. Certo non sono gli unici e forse qualcuno può essere applicato insieme ad altri, ma questi cinque potrebbero darvi quello incentivo in più, se mai che ne fosse bisogno, per portare avanti l’avventura.

Completare il Pokèdex… cromatico

Partiamo con la più classica delle sfide secondarie della serie: completare il Pokédex. Molti negli anni, a furia di scambi e ricerche, sono riusciti nell’impresa di dare al professore di turno una enciclopedia completa di tutte le specie presenti dentro e fuori la regione che si stava visitando. Anche in Alola potremmo portare a termine questo arduo compito, grazie anche al piccolo trucco che vi abbiamo offerto per trovare tutti i Pokémon di Alola.

La situazione in Pokémon Sole e Luna è leggermente più complessa in quanto alcuni Pokémon compariranno solo se chiamati da altri in loro aiuto (penso a Sableye). Certo con un bel conto nella banca Pokémon, l’applicazione per 3DS che permette di salvare le creature di altri capitoli della serie e di trasferirle in ogni altra versione, non dovrebbe essere un problema, ma dove è il divertimento così?

Un’altra idea molto simile è quella di andare a caccia dei rari Pokémon cromatici (o shiny) che richiede oltre che tanta pazienza anche una buona dose di fortuna. Una attività da fare soprattutto quando si sarà completato il gioco, altrimenti si rischia di rimanere imprigionati in un loop di fughe e mosse superefficaci che potrebbe portarvi alla pazzia. Per fortuna esistono molti modi alternativi su come trovare Pokémon cromatici.

Solo Pokémon di Alola

Una idea di difficile realizzazione, visto che sulle isole di Alola non se trovano molti, e di conseguenza ad alto tasso di difficoltà è l’utilizzo soltanto di Pokémon esclusivi di Alola. Lasciandovi alle spalle tutte le generazioni precedenti e le vostre conoscenze su di esse, sarà una bella sfida comporre una squadra competitiva con i soli alleati nativi della regione Alola.

Questo potrebbe aiutarvi a trovare il vostro Pokémon di Alola preferito (io ho già trovato il mio, ndr) e quindi inserirlo nella vostra classifica personale e, perché no, anche nella vostra prossima squadra per le sfide competitive.

Facendo così avrete anche la possibilità di familiarizzare con le nuove creature, le loro abilità e vulnerabilità e ampliare la vostra conoscenza del Pokédex. Un ottimo modo di diventare ancora di più esperti Pokémon a tal punto da essere considerati una enciclopedia vivente da amici e allenatori incontrati nei vari tornei.

pokemon-sun-moon-003

Nessun Pokémon conosciuto

Una idea di facile attuazione e che metterebbe un po’ di pepe in più all’avventura è quella di non mettere in Squadra nessun Pokémon già usato in passato. Non parlo solo della propria squadra perfetta, ma di tenere fuori dalla squadra tutte le creature che negli anni vi hanno aiutato a battere i Super Quattro.

Una impresa facile per chi negli anni ha cambiato non più di uno o due elementi in squadra, un po’ più complessa per chi invece ha fatto eseguito più spesso una rotazione del party o per chi ha rivoluzionato la propria strategia negli anni.

Potrebbe essere l’occasione per riscoprire Pokèmon mai troppo apprezzati o trovare nuove strategie offensive, e perché no anche difensive, per superare alcuni nostri punti deboli. Potrebbe anche essere un modo per destabilizzare nelle sfide multiplayer i nostri amici allenatori che ormai conoscono a memoria il nostro stile di combattimento.

La squadra Pokémon invincibile

Molti giocano Pokémon sole per l’avventura, molti altri solo per le sfide in multiplayer. Per i secondi sarà quindi quasi ovvio comporre pezzo dopo pezzo la squadra Pokémon perfetta, quella quasi imbattibile, terrore di ogni allenatore. Non siamo sicuri che esista tale squadra, ma trovare la combinazione migliore per essere letali e vincenti in ogni sfida contro allenatori reali.

In questo caso vi toccherà frequentare con assiduità l’Ostello Pokémon per creare quante più uova possibili e sperare che da queste escano i Pokémon più forti, così come suggerito dalla nostra guida alla creazione di Pokémon competitivi.

pokemon-sole-luna-001

Trasportati dagli eventi

L’ultima, e forse meno strategica, alternativa per giocare a Pokémon Sole e Luna è quella di lasciare che sia il gioco a guidarvi nella composizione del party. Nel corso infatti incontrerete quasi sempre Pokémon utili per la sfida successiva che vi attende e che quindi dovrete avere in squadra per avere la meglio sul tipo di Pokémon dominante che vi attende.

Armatevi quindi di Cura Ball e inserite in automatico in squadra volta per volta ogni creatura che incontrerete nel percorso, visto che per la prima volta in Pokémon Sole e Luna è possibile decidere istantaneamente se inserire il mostro catturato nella propria squadra o mandarlo in uno dei box a nostra disposizione.

Certo non sarete molto avvantaggiati nelle sfide contro il team Skull e forse non avrete mai una squadra davvero competitiva, ma potrete dire di essere così bravi che non importa quale Pokémon abbiate nelle vostre sfere perché voi sapete trarre il meglio da ogni situazione.

 

Se conoscete altri modi di rendere Pokémon Sole e Luna o gli altri capitoli più interessanti mostratemi la vostra fantasia o esperienza personale con un commento qui sotto. Per ora è tutto dal vostro Dr. Nintendo e appuntamento al prossimo numero.

Leggi anche: Recensione Pokémon Sole e Luna – Si riparte da qui

Leggi anche: Pokémon Sole e Luna: Guida alla demo e agli oggetti

Leggi anche: Pokémon Sole e Luna: guida alla creazione di un Pokémon competitivo



Caporedattore di Gamempire. Dalla sua batcaverna nel Sannio scruta verso l'orizzonte Nintendo. Una IPA fresca e un buon GdR bastano per tenerlo buono per un po'. Il suo tallone d'Achille sono gli FPS soprattutto online, dove è carne da macello. Mi trovate a casa Nintendo, ma gli altri lidi non mi sono sconosciuti.