La Bibbia di Metal Gear Solid: parte 2

La seconda parte della rubrica dove analizzeremo tutto sulla saga di Metal Gear Solid: la storia, la linea del tempo, i personaggi, i segreti ed i retroscena

Nella prima parte de La bibbia di Metal Gear Solid, abbiamo parlato del periodo ed i personaggi prima della storia di Metal Gear Solid 3: Snake Eater. Questa seconda parte invece è completamente dedicata agli eventi ed i personaggi di Metal Gear Solid 3 che non sono stati trattati nella prima parte.

LINEA DEL TEMPO: EVENTI DEL 1964

a7b17acf55271a755d2d6fa951033ae4

1964 – “Missione Virtuosa” ed “Operazione Snake Eater”

La “Missione Virtuosa” inizia nell’estate del 1964, per l’esattezza il 24 Agosto, ed è la prima missione operativa della neonata unità FOX, dalla riuscita della missione dipende il futuro dell’unità.

Cosa era l’ “Unià FOX”? 
FOX (Force Operation X) è una divisione di corpi speciali istituita per volontà della CIA negli anni 60, su consiglio dell’ex membro del SAS: Zero.
L’unità si occupa per lo più di missioni segrete, ricoprendo ruoli di intelligence e forze speciali. Ogni agente inviato sul campo dalla FOX è assistito nel corso della sua missione da appositi strumenti di supporto sviluppati da membri dell’unità stessa (sonar, sensore antiuomo, mimetica ottica…). L’unità FOX è specializzata in particolar modo in missioni di infiltrazione in cui un solo soldato raggiunge il luogo prestabilito, mentre gli altri lo supportano a distanza. La FOX ha avuto il rivoluzionario compito, per il tempo, di reclutare anche le donne. La decisione è dovuta fortemente ai criteri di scelta di Major Zero che seleziona la sua squadra in virtù di talento e personalità. L’unità non è mai stata vista di buon occhio dal resto della CIA, che considera i membri di FOX solo un mucchio di pazzi strampalati.

L’agente scelto da Zero, capo dell’unità FOX, è Naked Snake, discepolo prediletto della leggendaria eroina The Boss. Naked Snake raggiunge Tselinoyarsk, nel territorio dell’Unione Sovietica grazie al primo lancio HALO della storia (lancio con il paracadute da grandi altezze, superiori a 3km, con apertura dello stesso solo a bassa quota, circa 300m). La tecnica è stata ideata all’interno del SAS di cui Major Zero fece parte e poi da lui stesso proposta a Naked Snake per la missione.
Una volta a terra Naked Snake inizia l’infiltrazione solitaria fino a raggiungere il suo obiettivo, lo scienziato Sokolov. Preso contatto con Sokolov i due fuggono insieme, ma vengono intercettati dal Colonnello Volgin del GRU e dal suo maestro, The Boss, che nel frattempo aveva disertato dall’America nell’Unione Sovietica. Sokolov viene catturato e nuovamente imprigionato dalle forze del GRU, mentre Snake, distrutto nel corpo e nell’animo da The Boss, viene riportato in America sfruttando il sistema di recupero Fulton (utilizzato negli anni 40 come sistema di recupero di carichi postali sollevati dal suolo attraverso un pallone e successivamente recuperati senza la necessità di far atterrare il velivolo, venne successivamente modificato dal JACK, un ramo secondario della CIA, per recuperare i soldati nel corso della Guerra di Corea agli inizi degli anni 50.) Messo KO Naked Snake, il colonnello Volgin usa le testate nucleari Davy Crockett procurategli da The Boss per distruggere l’impianto di progettazione segreto OKB-754, facendo ricadere la colpa su The Boss. A questo punto le tensioni tra USA e URSS si fanno forti in quanto nel momento in cui l’impianto di progettazione segreto viene colpito dall’attacco nucleare, il governo sovietico rileva la presenza di un aereo da trasporto “Combat Talon” nello spazio aereo sovietico (aereo che funge da quartier generale mobile dell’unità FOX nel corso della Missione Virtuosa). Inoltre, come se ciò non bastasse, le testate sono testate nucleari miniaturizzare modello Davy Crockett di progettazione americana. Gli USA non sapendo come reagire a tali accuse fanno ricadere la colpa dell’intera vicenda su The Boss dichiarandone ufficialmente la diserzione in URSS. Il governo russo, da parte sua, richiede quindi che gli USA dimostrino la loro estraneità ai fatti uccidendo The Boss, minacciando, in caso contrario, il passaggio dalla Guerra Fredda al combattimento attivo che sfocerebbe nel terzo conflitto mondiale. Gli USA sono quindi costretti a sacrificare il loro miglio soldato, nonché una eroina leggendaria.

Sei giorni dopo gli eventi della “Missine Virtuosa”, il 30 Agosto 1964, ha inizio l’operazione “Snake Eater”. Gli obiettivi della nuova operazione affidata nuovamente a Naked Snake e all’unità FOX che devono rimediare al fallimento della missione precedente, sono plurimi. Il discepolo di The Boss dovrà recuperare e trarre in salvo Sokolov, distruggere l’arma da egli sviluppata e conosciuta come Shagohod e infine il compito più ingrato, eliminare la disertrice The Boss, sua maestra e compagnia di vita per 10 anni.
Questa volta Naked Snake raggiunge il territorio sovietico lanciandosi ad alta quota a bordo di un drone. Nel corso della sua missione potrà contare, secondo accordi presi tra USA e URSS, anche dell’appoggio di ADAM, ex decrittatore NSA adesso spia del KGB. Sul suo cammino Snake incontrerà nuovamente il Colonnello Volgin del GRU, guidato da Breznev.

Ciò che Naked Snake non sa è che con l’operazione Snake Eater il governo americano vuole recuperare l’ Eredità dei Filosofi che è custodita dal Colonnello Volgin e che la diserzione nel corso della precedente Missione Virtuosa è solo un pretesto per far si che il migliore soldato delle forze USA prenda contatto con Volgin e si procuri le informazioni essenziali al recupero dell’ Eredità dei Filosofi. Il resto è solo un imbroglio politico che finisce con il costare la vita a The Boss che accetta l’estremo sacrificio solo se per mano del suo allievo Naked Snake. L’operazione si rivela più complessa del previsto a causa dell’opposizione dell’Unità Cobra e delle forze speciali Spetsnatz capitanate da Ocelot, al quale lo stesso Naked Snake aveva consigliato di abbandonare le armi semi-automatiche vedendolo più portato per armi come i revolver. Snake porta avanti la sua operazione grazie anche, e soprattutto, ad EVA, la seconda delle spie NSA che avevano precedentemente disertato in URSS. La ragazza, che si invaghisce di Naked Snake è una abile spia doppiogiochista che è riuscita ad attirarsi la “benevolenza” di Volgin lavorando allo stesso tempo per il governo cinese.

Nel corso dell’operazione Snake Eater, Naked Snake perde l’occhio destro durante la tortura inflittagli da Volgin (sebbene la causa dell’accecamento sia una pallottola partita da uno dei revolver del “giocoliere” Ocelot). Al termine dell’operazione, quando Naked Snake scappa insieme ad Eva, dopo aver eliminato Volgin, distrutto lo Shagohod ed essersi sporcato le mani con il sangue della sua mentore The Boss, Ocelot è l’ultimo ad inseguire l’agente segreto della FOX. Lo raggiunge e lo sfida in un duello che segnerà i due legando il futuro di Naked Snake, che scopriamo proprio in questo momento della storia chiamarsi John, a quello di Ocelot, che scopriamo chiamarsi Adamska ed essere ADAM (nonché figlio di The Boss e The Sorrow), l’altro decrittatore NSA che aveva disertato in URSS.

Ritornato in patria Snake viene insignito del titolo di Big Boss, un titolo anche più alto di quello di The Boss. Tuttavia l’animo di Naked Snake, da ora in poi Big Boss, è a pezzi per i recenti fatti e farà spesso fatica ad accettare quel titolo costato la morte della sua mentore, preferendo farsi chiamare negli anni a venire spesso solo “Snake”.

Schede personaggi: Naked Snake, Eva, Ocelot ed Unità FOX (Zero, Sigint, Para-Medic)

NAKED SNAKE

a7b17acf55271a755d2d6fa951033ae4

Vero nome: John.

Nato nel 1935, il suo nome, John, è stato spesso e volentieri trasformato in Jack durante i primi anni. Naked Snake è il primo nome in codice di Big Boss, portato quando era parte dell’unità FOX. Nel corso degli anni 50 combatte nella Guerra di Corea tra la fazione del Nord, sostenuta da Cina e Russia, e quella del Sud, con il fermo appoggio degli Stati Uniti d’America.

Come molti soldati della storia ammira The Boss e la considera maestro e guida, ma a differenza di altri ha la fortuna e l’onore di conoscerla in prima persona, diventandone allievo prediletto. Insieme a lei sviluppa il CQC (Close Quarters Combat – Sistema di combattimento basato sulle tecniche di lotta corpo a corpo contro nemici a distanza ravvicinata realizzato e derivato da una suddivisione ed approfondimento del CQB sviluppato dal SAS).
Nel 1954, quattro anni dopo aver combattuto in Corea, è vittima di esposizione a radiazioni a causa dei test della bomba a idrogeno portati avanti sull’Atollo di Bikini.

A distanza di 10 anni dall’incidente sull’Atollo di Bikini, il 24 Agosto 1964, Naked Snake partecipa alla prima missione di infiltrazione portata avanti dalla FOX, la “Missione Virtuosa” iniziata con il primo lancio HALO (tecnica “importata” da Zero dalla sua esperienza nel SAS). La missione ha come obiettivo la liberazione di Sokolov, mente geniale dietro alla creazione dello Shagohod, ma a causa della defezione di The Boss all’unione sovietica, Naked Snake non riesce a portare a termine il suo compito, rientrando in patria gravemente ferito. Quattro giorni dopo gli viene affidata la missione “Snake Eater” dalla quale dipenderà il futuro della sua intera unità e che ha come scopo ultimo l’assassinio di The Boss.

Portata a termine la missione riceve il titolo di Big Boss, un riconoscimento ancora maggiore di quello di The Boss. Snake tuttavia preferirà sempre farsi chiamare semplicemente Snake, rinnegando spesso e volentieri quel titolo ottenuto con il sangue di The Boss

EVA

a7b17acf55271a755d2d6fa951033ae4

Eva fa la conoscenza di Naked Snake nel corso dell’operazione Snake Eater avvenuta nel 1964. Presentandosi come una spia del KGB collaborazionista, inviata sul campo per volontà diretta del premier sovietico Krusciov. La sua missione era quella di fornire importanti informazioni sullo sviluppo dello Shagohod. Per adempiere a tale gravoso compito, Eva avvicinò Sokolov (la mente creatrice dello Shagohod) assumendo la falsa identità di Tatyana e divenendo amante di Sokolov. Quando Sokolov viene catturato dal GRU anche lei segue le sorti del suo pseudo amato al fine di avvicinare Volgin e recuperare ulteriori preziose informazioni. Portando con se la pistola a forma di rossetto conosciuta come “bacio della morte” fa credere volutamente a Volgin che lei sia una spia del KGB.

Le sue due identità, Eva e Tatyana, coesistono nel corso dell’operazione Snake Eater al fine di aiutare Naked Snake ad infiltrarsi nella fortezza di Groznyj Grad. All’interno della fortezza Eva incrocia spesso The Boss, ma solo al termine della missione Snake Eater la giovane spia racconterà a Naked Snake tutta la verità su di se e sulle vere intenzioni di The Boss.
Eva è, proprio come The Boss, una “figlia dei filosofi”; a differenza di The Boss però lei “appartiene” a quelli rimasti nella Repubblica Popolare Cinese. È sin da piccola cresciuta ed addestrata come spia all’interno di una delle classiche “charm school” sul territorio cinese (le charm school erano accademie segrete per l’addestramento di spie ad opera di altre spie). All’interno della charm school anti-USA Eva viene istruita anche dalla stessa The Boss.

Successivamente Eva passa alla Seconda Divisione dello Stato Maggiore dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese, esperienza grazie alla quale apprende numerose tecniche di “bandit shooting” (raffica di colpi in orizzontale realizzata poggiando l’indice sul telaio dell’arma e premendo il grilletto con il dito medio) che, nonostante i suoi tentativi di mostrarsi come una spia del KGB, lasciano invece trasparire come gli insegnamenti avuti in Cina le siano rimasti profondamente dentro.
Nel corso dell’operazione Snake Eater durante la quale facciamo la sua conoscenza si sostituisce alla vera “Eva” inviata dal KGB e cerca di rubare l’ “Eredità dei Filosofi” per conto della Cina. Ottenuto il microfilm lo riporta in Cina, ma scopre con amara sorpresa che è un falso e che quello originale è finito in mano alla CIA.
In seguito al fallimento viene inseguita dagli agenti del governo cinese e finisce col rifugiarsi ad Hanoi nel corso degli anni 70 facendo perdere le sue tracce.

OCELOT

a7b17acf55271a755d2d6fa951033ae4

Vero nome: Adam (Adamska in russo).

In qualche modo anch’egli un “figlio dei Filosofi”. Seppur non in maniera diretta come sua madre, diretta discendente di uno dei “Filosofi”, il piccolo Adam appena nato (su un campo di battaglia in Europa nel corso del secondo conflitto mondiale) viene strappato alle braccia dei genitori (The Boss e The Sorrow) e rapito dai Filosofi che lo allevano come meglio li aggrada.
Adam non avrà contatti con i genitori naturali per quasi 20 anni, salvo poi reincontrare The Boss durante i fatti relativi alla Missione Virtuosa e all’Operazione Snake Eater.
Nel corso degli anni 60 Ocelot raggiunge il grado di maggiore come giovane promessa dell’esercito russo. Successivamente diviene capitano dell’Unita Ocelot, una squadra d’elite delle forze speciali Spetsnaz dotata di armi più potenti di quelle in dotazione ai membri del GRU. La squadra entrava in azione non appena il suo capitano ruggiva imitando il verso di un gattopardo.

Ocelot è storicamente riconosciuto come il doppio (spesso e volentieri anche triplo) giochista per eccellenza, grande esperto nella tortura, passione che verosimilmente sviluppò negli anni a stretto contatto con il Colonnello Volgin. La vicinanza di Ocelot a Volgin non è di certo da attribuire ad ammirazione o condivisione di ideali, Ocelot è infatti una spia del KGB inviata sul campo per debellare la minaccia rappresentata dal GRU, e per farlo non esita ad aiutare Naked Snake nella sua missioneOcelot è tuttavia anche una spia della CIA, inviata a Groznyj Grad per recuperare l’Eredità dei Filosofi nelle mani di Volgin.

Ocelot è amante dei film western, non a caso la sua arma preferita è la Colt Single Action Army ed il suo look e modo di fare richiama molto quello di un cowboy, è inoltre molto abile nel colpire bersagli nascosti sfruttando il rimbalzo dei proiettili sulle superfici e in giochi di destrezza usando ben tre Colt SAA.
Personaggio molto importante nella storia di MGS, Ocelot nutre da sempre forte stima e ammirazione nei confronti di Big Boss e sarà proprio seguendo i suoi consigli che dopo il loro primo incontro/scontro abbandonerà le armi automatiche per iniziare ad utilizzare un revolver dopo aver provato, senza successo, a caricare dei proiettili manualmente nella sua Makarov che si inceppa nel mezzo di una battaglia. Dopo essersi dato al revolver si specializza anche nell’utilizzo di due pistole contemporaneamente che spesso utilizza anche per sadici giochetti ed è un grande amante della tensione che si prova durante la breve pausa per ricaricare le armi.

UNITA’ FOX

a7b17acf55271a755d2d6fa951033ae4

Membri unità FOX durante la missione Missione Virtusa e l’Operazione Snake Eater:

Zero
Vero nome: David Oh. Zero.
Fondatore di FOX, è nato in Gran Bretagna ed è stato un veterano del SAS, periodo della sua vita durante il quale combatte al fianco di The Boss. Grazie alla sua esperienza proprio nel SAS, crea l’unità FOX specializzata in missione top secret negli anni della Guerra Fredda. Grazie al benestare della CIA, riesce a garantire a FOX un’opportunità per mettersi in mostra. Durante questa missione utilizza il nome in codice di “Major Tom”, prendendo spunto direttamente dal film “La grande fuga”.

Sigint
Membro dell’unità esperto in equipaggiamenti e tecnologie all’avanguardia, fornisce il suo appoggio a Naked Snaked tramite radio nel corso delle operazioni.
Il suo nome in codice deriva dall’abbrevazione di “Signal Intelligence”, cioà il settore dell’intelligence adibito all’impiego di apparecchiature per la raccolta di informazioni. È infatti lui l’inventore di buona parte della strumentazione utilizzata da Naked Snake nel corso delle due missioni.

Para-Medic
Membro di supporto dell’unità FOX, fornisce informazioni mediche via radio. Il suo nome in codice deriva dalle unità mediche che venivano paracadutate per aiutare i soldati sulle linee del fronte, la dove non vi erano medici. Soprannominata “Quack” (vero cognome Clark) per la sua loquacità, ha una grande passione per il cinema, ma apprezza film decisamente bizzarri.

Articolo a cura di Massimo De Marco Giglio e Gabriele Castoro
Disegni e grafica a cura di Alessandro Cuomo


La Bibbia di Metal Gear Solid è una rubrica che approfondisce l'universo di MGS nei minimi dettagli. L'obiettivo è di ripercorrere gli oltre 100 anni di storia raccontati nei numerosi capitoli della serie.

A cura di Massimo De Marco Giglio e Gabriele Castoro. Illustrazioni grafiche di Alessandro Cuomo