E3 2017 Nintendo Spotlight – Sintesi e commento by Dr. Nintendo

Tutti i personaggi storici sul carrozzone dell’hype. Nuove IP per Yoshi, Kirby e Metroid. Xenoblade 2 entro l’anno. Rocket League con cross-network.

Mentre il Nintendo Treehouse è in corso in un tripudio di annunci e gameplay da far impazzire il che non hanno trovato posto nel Nintendo Spotlight, mi accingo a scrivere questo recap con ancora il cuore pieno di entusiasmo per ciò che si è visto del live (e del quale potete trovare il commento in diretta nel video alla fine di questo articolo).

Pareva impossibile che in meno di mezzora si potesse concentrare tutto il nugolo di titoli previsti per il 2017 e che rimanesse spazio anche per annunci inaspettati e invece Spotlight è stato denso, anche se votato troppo alle prospettive sul 2018.

La conferenza è partita con una sintesi di alcuni dei titoli previsti e non, tra i quali il più inaspettato è Rocket League. Subito dopo ecco che Reggie Fils-Aime introduce la conferenza con una filosofica spiegazione riguardo gli obiettivi del gioco e di Nintendo Switch.

Xeno 2 nel 2017, Kirby nel 2018, Pokémon più in là

Subito dopo è arrivato il primo fuoco d’artificio con il trailer di Xenoblade Chronicles 2 che ha accennato a due dei protagonisti del gioco, Rex e Pyra, e mostrato ancora una volta il taglio stilistico da anime. Rispetto al primo Xeno il gameplay pare sembra più semplificato, tendente ai classici RPG. La migliore notizia è la conferma dell’uscita del gioco a inverno 2017.

Con un ritmo serrato si è passati subito ad un nuovo platform con Kirby protagonista per Nintendo Switch giocabile in 4 giocatori con mosse di gruppo annunciato per il 2018. Subito dopo un momento più discorsivo con una conferma della forte inclinazione al multiplayer di Nintendo Switch e l’annuncio da parte di Tsunekazu Ishihara (di The Pokémon Company) che ha annunciato un nuovo gioco RPG Pokémon in sviluppo per Nintendo Switch senza una data di uscita prevista.

La bomba

Come un fulmine a ciel sereno è arrivato a quel punto il colpo di grazia per il cuore di molti: Metroid Prime 4 in sviluppo per Nintendo Switch. Niente trailer, niente date di uscita, nulla se non il logo, ma tanto è bastato a far esplodere il banco.

Intontiti da questo annuncio, è quasi passato in sordina il primo sguardo offerto sul nuovo titolo dedicato a Yoshi (nel video sembrava Woolly World 2, ma non è così). Un titolo sulla falsa riga di Wooly World con una componente co-op molto forte e una data di pubblicazione fissata per il 2018.

I titoli di coda

Questo annuncio è stato seguito a ruota il trailer per Fire Emblem Warriors, muosu sviluppato da Team Ninja, con la presenza di tanti personaggi storici della saga. Data di uscita prefissata ad Autunno 2017.

Spazio anche a The Legend of Zelda: Breath of the Wild, con la conferma di contenuti aggiuntivo per Skirim sbloccabili con l’Amiibo di Link. Ma l’annuncio più importante riguarda il primo vero DLC dedicato a Breath of the Wild che introduce la Prova della Spada e la modalità Master oltre a nuovi oggetti e nuovi e indossabili. Il primo DLC, denominato “Le Prove Leggendarie” sarà disponibile a partire dal 30 giugno 2017.

A questo si sono aggiunti quattro nuovi Amiibo dedicati ai quattro campioni di The Legend of Zelda: Breath of the Wild oltre al nome del secondo, e ultimo, DLC “La Ballata dei Campioni” che uscirà a fine 2017.

Dopo una rapida panoramica sui tornei che avverranno nei prossimi giorni relativi ad ARMS, Pokkén Torunament DX e Splatoon 2, è arrivato il momento di mostrare di nuovo Mario+Rabbids: Battle Kingdom, già visto durante la conferenza Ubisoft e di dare spazio al porting di Rocket League che avrà la particolarità di essere cross-network e contenuti esclusivi a tema Nintendo.

Si finisce in bellezza con Super Mario Odyssey che si mostra in un interessantissimo trailer che mostra tutte le abilità disponibili per il cappello di Mario tra le quali spicca quella fondamentale entrare in oggetti e nemici e possederli. Il gioco ha una data di uscita ufficiale: 27 ottobre 2017.

Commento finale

I fuochi d’artificio iniziali hanno davvero lanciato alte le quotazioni di Nintendo. L’annuncio di Metroid Prime 4 e del gioco Pokémon in sviluppo sono sogni che si avvereranno anche se non nell’immediato. I primi annunci sono stati entusiasmati con la conferma di Xenoblade Chronicles 2 nel 2017. Tanto materiale per il prossimo anno e un 2017 con tante conferme e pieno di ottimi prodotti.

Peccato che ci sia stato poco da vedere davvero, ma dando una occhiata alla prima giornata di Nintendo Treehouse, durante la quale è già stato annunciato Metroid: Samus Returns per 3DS e il ritorno di Mario & Luigi Super Star Saga oltre a tanto materiale video del gameplay dei giochi già annunciati, si nota come Nintendo abbia preparato una agenda fitta di appuntamenti per sé e per i suoi utenti.

Purtroppo ci sono alcuni assenti ingiustificati come i nuovi Pokémon Ultra Sole e Ultra Luna, Ever Oasis, Hey! Pikmin e Monster Hunter che avremo voluto vedere. Queste lacune soprattutto sotto il profilo di Nintendo 3DS fanno calare di un po’ il voto alla conferenza che comunque ha dimostrato quanto Kimishima e soci abbiamo imparato la lezione di Wii U e veleggino ora senza timore verso un futuro roseo. Sperando sempre che non si crogiolino troppo sui successi di oggi. Il futuro bisogna coltivarlo.



Caporedattore di Gamempire. Dalla sua batcaverna nel Sannio scruta verso l'orizzonte Nintendo. Una IPA fresca e un buon GdR bastano per tenerlo buono per un po'. Il suo tallone d'Achille sono gli FPS soprattutto online, dove è carne da macello. Mi trovate a casa Nintendo, ma gli altri lidi non mi sono sconosciuti.