For Honor: 10 consigli per i nuovi giocatori

For Honor è uno dei giochi più giocati del momento. La lotta è dura e difficilmente ci si può ambientare con alcune meccaniche. Ecco alcuni consigli utili per tutti i giocatori.

For Honor è il nuovo titolo sviluppato da Ubisoft. In questo videogioco, i giocatori sono chiamati a scendere su dei campi di battaglia in lotte all’ultimo sangue tra samurai, cavalieri e vichinghi. Attraverso il suo interessante e divertente sistema di combattimento, che cerca di rendere le lotte dinamiche e quanto più realistiche possibili, For Honor si è guadagnato subito un’ottima reputazione tra la comunità videoludica.

Nonostante le molte fasi di testing, molti giocatori hanno aspettato la data di rilascio per iniziare la loro avventura in questo crudele mondo in guerra. Per aiutarvi a sopravvivere, abbiamo pensato ad alcuni consigli da sottoporvi. Chi lo sa, magari potranno fare la differenza tra la vita e la morte!

1 – Scegli il tuo guerriero

In For Honor sono presenti tre fazioni con le loro rispettive classi tra cui scegliere. Ciò significa che ognuno di essi ha generalmente uno stile di combattimento diverso, oltre alle classiche debolezze e resistenze. Naturalmente in un modo o nell’altro dovrete imparare ad utilizzarli ed a contrastarli, ma per i primi tempi vi consigliamo di scegliere una classe e giocarla il più possibile in modo da imparare le meccaniche generali. Ciò vi permetterà di essere piuttosto bravi con un personaggio, con il quale saggerete tutti gli altri che vi troverete contro. L’allenamento e la conoscenza vi renderanno flessibili nei vostri approcci, imparando ad arrangiarvi con ciò che avete a disposizione. Utilizzare un singolo personaggio vi garantisce inoltre di averne almeno uno con un ottimo equipaggiamento, elemento vitale nel gameplay.

For Honor

2 – La pratica rende perfetti

Sappiamo bene quanto sia appetitoso il multiplayer in titoli del genere, così tanto che molti preferiscono buttarvisi a capofitto senza la minima conoscenza. Noi tuttavia vi consigliamo di aspettare e prendere la mano contro l’intelligenza artificiale. Innanzitutto c’è una modalità campagna, che introduce a tutti gli elementi chiave del gioco, soprattutto alle classi. Se pensate che l’IA sia noiosa e stupida, vi sbagliate di grosso. Uno degli elementi migliori di For Honor sono proprio i bot, i quali sono ardui da sconfiggere e molto abili nel farvi fuori in poche mosse; caratteristiche che li rendono degli ottimi sparring partners. Naturalmente è possibile affrontare il computer anche con altri giocatori nelle modalità apposite.

3 – Guardatevi le spalle

Nonostante si chiami For Honor, purtroppo il gioco non ha solo players onorevoli. Nelle modalità a più giocatori, come per esempio la 4 vs 4, vi ritroverete più volte ad essere uccisi da nemici che ti attaccano mentre sei in duello con un altro avversario. Questa tattica, per quanto sleale, è possibile e per questo è necessario sempre essere sicuri del proprio circondario per evitare di essere presi alla sprovvista. Quando potete, muovetevi con i vostri alleati in modo da coprirvi le spalle a vicenda, ma non ricorrete ad essi per avere il vantaggio numerico sul nemico. Lasciate che siano le spade a parlare, uno contro uno. Questo è proprio il modo in cui questo titolo è stato sviluppato, dopotutto.

For Honor Beta_20170129101711

4 – Equipaggiarsi bene, ma non sempre

L’equipaggiamento è un elemento importantissimo in For Honor. I vari oggetti da indossare vi permetteranno di alterare delle statistiche in base alle vostre preferenze, perciò è necessario spendere del tempo nel comprendere i loro valori e come ottimizzare al meglio il proprio set-up. Tuttavia è necessario ricordarsi che non sempre l’equipaggiamento sarà attivo durante le partite, infatti in alcune modalità tutti i giocatori utilizzeranno i valori di default. Questo è fatto per evitare di creare del dislivello tra i giocatori, in modo da esaltare l’abilità del singolo piuttosto che la sua attrezzatura. Nel resto dei match, però, rimane comunque un fattore essenziale.

5 – Familiarizza con i menù

Questo può risultare un consiglio superfluo, ma è molto importante per ottimizzare la propria esperienza di gioco. Per esempio, sapevate che è possibile impostare le proprie modalità preferite nelle impostazioni del matchmaking? Ciò vi garantirà di capitare nel match desiderato più facilmente, nel caso vi serva per una missione o per la pratica. Inoltre è importante anche sistemare i propri load out in modo da essere efficienti e veloci nei cambi.

For Honor Beta_20170129101517

6 – La stamina, per favore

Questo consiglio mi riporta alla mente Dark Souls, ma anche in For Honor la stamina è essenziale. Questa caratteristica può condurvi ad una morte certa se ne abusate fino a finirla. L’ideale sarebbe quello di dosare le proprie mosse in modo da avere sempre abbastanza spazio di manovra nel caso la situazione precipitasse, o aveste bisogno di finire in fretta il vostro avversario. Tenete sempre d’occhio questa importante risorsa, altrimenti non sopravviverete neanche un secondo. Questo consiglio si ricollega anche all’equipaggiamento.

7 – Attento a non cadere!

Le mappe di For Honor sono molto belle, ma piene d’insidie. Trappole, ponti sospesi, strapiombi ed altri pericoli possono essere sfruttati sia da voi che dal vostro avversario per ottenere uccisioni facili. Bisogna sempre buttare un occhio sul terreno che ci circonda, in modo da sfruttarlo ed evitare di essere delle facili prede. Cercate di volgere lo scontro sempre a vostro favore, e nel caso vi trovaste alle strette tenete alta la guardia evitando di farvela rompere. Nell’ultimo caso, non potrete contrattaccare in nessun modo.

 

8 – Cancella spesso

Il concetto di “cancel” o “interruzione” è spesso usato in molti videogame. Quest’azione corrisponde al iniziare/eseguire una mossa per poi interrompere la sua animazione in modo da farne un’altra. In For Honor non è una meccanica nascosta, piuttosto invece è incoraggiata. Cancellando un attacco, per esempio durante l’animazione di una mossa pesante, vi permette di confondere il vostro avversario riguardo la direzione da cui la vostra offensiva verrà scagliata. Questo è un ottimo metodo per rompere la guardia nemica, per esempio contro i Samurai che al momento sono piuttosto forti.

FH-new_screenshot-02-FULL_255395

9 – Muoviti continuamente

Non credo ci sia bisogno di dirlo, ma spesso durante un battaglia ci scordiamo di muoverci per pensare alla prossima mossa. Questi tempi morti vi rendono facili bersagli per il nemico, dovrete imparare a minimizzarli il più possibile. All’inizio i vostri movimenti saranno confusi e volti principalmente all’evasione, ma una volta capite le animazioni del proprio personaggio sarà possibile sferrare delle vere e proprie offensive, in grado di colpire con facilità il nemico spaesato.

10 – Sii onorevole

Più che un consiglio pratico, questo è un codice di condotta che può essere adottato o meno. For Honor è un ambiente che mira a creare lotte alla pari dove ci sfida al meglio delle proprie abilità. Per questo motivo, non c’è bisogno di comportamenti antisportivi o sleali, quelli li possiamo lasciare ad altri titoli ormai cancerogeni fino al midollo. Combattere senza ricorrere a mezzucci, in battaglie oneste, vi porterà più soddisfazione che andare tre contro uno solo per vincere. Il gioco è bello proprio per questa capacità di creare grandi scontri impegnativi, non roviniamolo pensando semplicemente a fare punti facili. Che vinca o si perda, conta divertirsi.

Con questo, la nostra lista è finita e speriamo possa esservi d’aiuto nella vostra esperienza di gioco. Per il resto, che la fortuna possa sempre essere dalla vostra.



Un giovane redattore con la passione per i videogiochi ed il giornalismo. E' spesso attirato dal comparto artistico e narrativo dei titoli che gioca, per questo cerca sempre quel piccolo gioco di nicchia perso tra le pagine di Steam che possa stupirlo. E' un grande fan dei giochi targati Blizzard fin da quando giocava a Warcraft 3. Nonostante questo, ha un debole per le visual novel giapponesi. Non è mai passato alla next gen, rimanendo fedele alla sua Playstation 2. Al momento rimane sul suo pratico PC.