Assieme a Death Stranding e The Last of Us 2, Ghost of Tsushima completa il trittico di videogiochi tripla A che dovrebbe addolcire la fase terminale di Ps4 ed aprire le porte alla venuta dell’ attesa prossima console Sony, per gli amici: Playstation 5.

Kojima Porductions ha provveduto a rilasciare trailer definitivo e data d’uscita del tanto atteso, quanto discusso Death Stranding; mentre Naughty Dog dovrebbe apprestarsi a fare altrettanto sul fronte The Last of Us 2. Rimane l’incognita sull’esclusiva dei Sucker Punch, che tacciono sin dall’ormai lontano E3 2018. In attesa di qualche novità ripercorriamo quello che sappiamo su Ghost of Tsushima, delineando quelle che sono le aspettative che questa nuova IP è chiamata a soddisfare.

Concorrenza Spietata

Ghost of Tsushima rappresenta l’ennesima riproposizione di un Giappone feudale in salsa videoludica. Dopo il grande successo di Nioh e Sekiro: Shadows Die Twice l’esclusiva Sony si trova in un terreno pronto a crollarle sotto i piedi, vittima di aspettative eccessivamente montate dalle produzioni con le quali verrà inevitabilmente messa a confronto. Non solo: è stato da poco annunciato Nioh 2 che molto probabilmente vedrà la luce a ridosso della release dell’opera dei Sucker Punch. Probabilmente ci aspetta un interessante testa a testa a livello di mercato.

Azione e violenza

Ciò che ci aspettiamo è un gioco action open world con qualche elemento stealth, che dimostri l’esperienza maturata dagli sviluppatori in materia, dopo Infamous e Sly Raccoon. Particolare cura sembra essere stata applicata agli scontri all’arma bianca, che si mostrano realistici e dettagliati. Ciò è condito da effetti sonori estremamente credibili e coinvolgenti. Il livello di violenza potrebbe diventare un aspetto caratteristico dell’esclusiva Sony, che come peculiarità mostra lo smembramento dei nemici a colpi di katana.

Spettacolo visivo e Gameplay ricco

L’ultima produzione dei Sucker Punch Infamous Second Son è stata una delle migliori esclusive durante il primo anno di vita di Ps4. La profondità del Gameplay era implementata dalla spettacolarità grafica e dall’originalità dei superpoteri del protagonista. Ghost of Tsushima mantiene un impatto visivo mozzafiato, con orizzonti cupi e spettacolari che invogliano il giocatore a scoprirne anche il più piccolo anfratto. Il gameplay invece si spera venga arricchito dalla possibilità di scegliere armi e strumenti con cui gettarsi in battaglia, magari alternando katane ad archi e lance.

Una ventata di novità

Sicuramente dopo l’incetta di titoli usciti in questi anni che condividono l’ambientazione con Ghost of Tsushima, sentiamo già bussare alla porta la noia che porterebbe l’ennesima riproposizione di elementi già visti e rivisti. Ecco perchè Sucker Punch è chiamata a puntare su un aspetto in cui sia Nioh che Sekiro sono carenti: una trama coinvolgente. Le esclusive Playstation ci hanno abituati bene dal punto di vista narrativo, facendoci vivere storie avvincenti ed al limite della commozione. Ghost of Tsushima non deve essere assolutamente da meno.

Speriamo dunque che Sony e Sucker Punch diano vita alle nostre speranze, donandoci un titolo degno per il canto del cigno di una console destinata a rimanere nei nostri cuori.

Se sei interessato a Ghost of Tsushima, ti consigliamo di effettuare il pre-ordine su Amazon.

Ti Potrebbe interessare anche...