Zelda: Breath of the Wild, guida alla sfida sacrario “le sette paladine”

Come posizionare le sfere, completare la sfida ricevuta da Lotein alla cittadella Gerudo e accedere al sacrario di Kyoshi Oh.

Nella cittadella Gerudo c’è un’archeologa di nome Lotein che si trova nella casa sul retro del Bar “Amore sotto la Sabbia” dalla quale si può scoprire la parola d’ordine del Club Segreto Gerudo. Parlando con questa studiosa sarà possibile attivare la sfida sacrario “Le sette paladine”. Questa sfida fa il paio con la minisfida “L’ottava paladina” che qualcuno ha già risolto da un po’.

Zelda Breath of the Wild sfida sacrario le sette paladine sacrario Kyoshi Oh Nintendo Wii U Switch Gamempire

Prima di tutto bisogna recarsi a est della Cittadella Gerudo in direzione del circolo di statue indicato sulla mappa qui di seguito. Qui ci troveremo difronte a sette statue apparentemente uguali, che tuttavia si differenziano per i sette simboli incisi su di esse in punti diversi, ai piedi delle quali si trovano alcune buche pronte ad accogliere oggetti sferici.

Zelda Breath of the Wild sfida sacrario le sette paladine sacrario Kyoshi Oh mappa Nintendo Wii U Switch Gamempire

Sparse nella zona, soprattutto ai piedi delle statue si trovano sette sfere contraddistinte dagli stessi simboli presenti sulle statue. La maggior parte di esse si troverà sparsa ai piedi del complesso di statue, a parte una posta in alto tra le mani di una delle paladine.

Per completare la sfida sarà necessario associare i simboli uguali di sfera e statue. Se non avete voglia di andare a cercare i simboli vi riportiamo qui di seguito l’ordine esatto delle sfere a partire dai numeri presenti sulla mappa già vista qualche riga più in alto.

1 – Il simbolo della virgola

2 – Il simbolo a forma di capanna stilizzata

3 – La O

4 – I due punti

5 – Il simbolo a forma di pergamena

6 – la fiamma

7 – Il simbolo di pausa (con le due stanghette verticali)

Fatto questo apparirà al centro del complesso il sacrario di Kyoshi Oh nel quale troverete il solito scrigno, nessun enigma aggiuntivo e l’agognato emblema del trionfo.



Caporedattore di Gamempire. Dalla sua batcaverna nel Sannio scruta verso l'orizzonte Nintendo. Una IPA fresca e un buon GdR bastano per tenerlo buono per un po'. Il suo tallone d'Achille sono gli FPS soprattutto online, dove è carne da macello. Mi trovate a casa Nintendo, ma gli altri lidi non mi sono sconosciuti.