Conferenza Microsoft E3 2017: cosa possiamo aspettarci?

La conferenza Xbox sta per arrivare, ecco che cosa ci aspettiamo.

Finalmente ci siamo, l’evento più importante dell’anno per i videogiocatori sta finalmente per arrivare e la prima conferenza che vedremo sarà proprio quella Microsoft. La casa di Redmond quest’anno ha gli occhi puntati su di se da tutto il mondo, sia per la presenza della console più potente mai creata (Project Scorpio) sia perché Microsoft ha bisogno indubbiamente di esclusive di peso e qualità per contrastare il dominio della concorrenza.

In questo articolo parleremo delle certezze, dei dubbi e di quello che vorremmo vedere nella conferenza Xbox che ricordiamo sarà domani, domenica 11 giugno alle ore 23 italiane.

Certezze

Iniziamo da quelle che saranno sicuramente le presenze certe dell’evento, in poche parole i prodotti attesi per il 2017. Project Scorpio è sicuramente la certezza numero uno, persino la locandina dell’E3 è stata costruita intorno alla nuova console Microsoft che a quanto pare sarà la protagonista indiscussa, non solo di questa conferenza, ma dell’intero E3. Nome ufficiale, prezzo, estetica e data di uscita dovrebbero quindi essere annunciate tra l’inizio e la fine dell’evento e i riflettori sono tutti puntati soprattutto sul costo di questa potente piattaforma che dovrebbe aggirarsi tra i 449 e i 549 euro.

È praticamente certo che tutti i titoli presenti gireranno e saranno mostrati su Scorpio, lo testimonia anche il fatto che la conferenza sarà trasmessa in 4K sulla nuova piattaforma streaming di Microsoft: Mixer (che ha recentemente preso ufficialmente il posto di Beam). Tra i titoli attesi e certi avremo: State Of Decay 2 (seguito dell’ottimo survival game uscito su Xbox360 e Pc), Crackdown 3 (atteso soprattutto per le potenzialità di distruttibilità ambientale tramite l’utilizzo del Cloud), Sea Of Thieves (titolo piratesco parecchio atteso), Cuphead e il multipiattaforma Shadow Of War.

La volontà di Microsoft di dare più spazio ai giochi potrebbe significare di vedere dei gameplay più approfonditi e meglio sviluppati rispetto alle altre edizioni. Sorprendentemente non ci sarà il seguito di Halo 5 Guardians e neanche Halo 3 Anniversary, due certezze che potrebbero deludere i fan, ma nel contempo rasserenarli, presentando magari ip completamente diverse.

Dubbi

Lo ammettiamo, Microsoft ha sicuramente più dubbi che certezze, ma non è necessariamente un male. La casa di Redmond è sempre stata famosa per annunciare “pochi” titoli, ma con una data di rilascio nel corto-medio periodo (Scalebound, Sea of Thieves, Phantom Dust, Fable Legends e Crackdown 3 sono stati dei casi citati persino da Phil Spencer). Proprio a detta di ciò, è sicuramente previsto un Forza, probabilmente Forza Motorsport 7 in uscita a fine anno e che potrebbe davvero mostrare le potenzialità della nuova macchina.

Il seguito di Ori, già rumoreggiato l’anno scorso potrebbe essere svelato, tra le tante girava anche un rumor sul suo possibile nome: Ori and the will of the wisps, tra l’altro mai smentito. Il resto delle esclusive sono solo ipotesi, dal ritorno di un Fable alla nuova ip (improbabile) di 343 industries, staremo a vedere quello che Microsoft ci riserverà, una cosa è certa: Xbox ha bisogno di giochi, sopratutto nuove ip.

Per quanto riguarda i multipiattaforma è molto probabile la presenza del nuovo Assassin’s Creed in conferenza, Shadow of war e magari una comparsa di qualche altra software house pronta ad annunciare qualcosa sul palco. La vr clamorosamente non sarà presente e non ruberà tempo alla conferenza. Per vedere la virtual reality su Xbox Scorpio dovremmo aspettare il 2018.

Sogni

Chi di noi non ha mai immaginato e ideato una propria scaletta dei sogni? Noi lo abbiamo fatto e da questa abbiamo estrapolato alcuni titoli che vorremmo assolutamente vedere su Xbox One, Project Scorpio e Windows 10, ci siamo concessi ovviamente dei limiti, senza cadere nel ridicolo o nell’esagerato.

Iniziamo dai rumor che stanno circolando e vediamo di costruire qualcosa intorno ad essi, penso che a tutti farebbe piacere un ritorno di Banjo-Kazoiee da Rare (tra l’altro prossimo anno è il ventennale della serie) e magari l’annuncio del seguito di uno dei più belli JRPG mai fatti: Lost Odyssey, magari è proprio questo il titolo in esclusiva da Square Enix rumoreggiato.

Due nuove ip di spessore servirebbero come il pane a Xbox, magari un bel gioco di ruolo sviluppato da Obsidian o una nuova ip da Bethesda, c’è comunque qualche genere inesplorato sulla console Microsoft che meriterebbe un brand completamente nuovo e originale. L’acquisizione di uno studio interno come Io Interactive magari potrebbe dare una marcia in più ai Microsoft Studios

Finiamo i nostri sogni con una feature per la nuova console Microsoft: la Scorpio mode, una modalità che permetterebbe di far girare qualsiasi titolo a 60fps, abbassando la risoluzione al minimo indispensabile, forse qua siamo sulla linea dell’esagerazione, ma come diciamo sempre sognare non costa nulla.

Ormai siamo nel campo delle ipotesi più complete, una cosa è certa: domani alle 11 sapremo tutto e scopriremo se Microsoft sarà realmente tornata o invece si sarà limitata a fare l’ennesimo compitino. Sbagliare non è più ammissibile per la casa di Redmond



Classico ragazzo di 23 anni cresciuto a pane e videogiochi, con la passione anche per i film e i libri. A 5 anni misi le mie manine sopra l'Amiga500 di mio fratello e da quel momento passai le giornate tra mondi virtuali fantastici e avventure infinite. Ex giocatore competitivo di Halo, abbandonato per il poco tempo a disposizione. Serie preferita: Monkey Island.