Il pluripremiato sparatutto di casa Blizzard Overwatch, può essere frustante se non viene preso nel verso giusto. Tra troll e giocatori che non collaborano o lasciano la partita durante lo svolgimento, la voglia può venir meno. Uniamo anche la presenza di eroi con un kit al momento troppo potente ed ecco servita la ricetta per scegliere un altro passatempo.

Seguendo questi pochi e piccoli consigli è possibile evitare di “farsi il sangue amaro” ed evitare file di sconfitte che sembrano infinite, facendo passare nella testa del giocatore più dubbi che certezze.

Insieme è meglio

Per prima cosa evitare di giocare da soli. Il forum ufficiale è ricco di post, sia riguardanti l’ambito PC che quello console, dove altri giocatori cercano compagnia per giocare. Inoltre è pieno di gente che dispensa consigli. Se volete sfuggire al forum potete servirvi direttamente del sistema integrato in Overwatch chiamato “ricerca formazione”, che permette di scegliere il ruolo con cui giocare, il livello di elogio ottenuto dai giocatori ed altri parametri. Non è infallibile ma meglio che andare alla cieca.

Provare tutto il roster

Non fossilizzatevi su un solo personaggio. La bellezza di questo gioco è l’opportunità di scegliere ben 29 personaggi (contando Ashe appena rivelata). È normale avere un feeling particolare con un determinato eroe ma saperli usare tutti vuol dire anche saperli affrontare. Conoscere i cooldown, gli effetti e qualche piccolo trucchetto per l’eroe che ci si trova ad affrontare potrebbe essere un vantaggio enorme durante la partita.

Eroi per tutti

Abbastanza correlato con quanto scritto sopra è il consigliodi imparare ad utilizzare con facilità almeno 2 o 3 personaggi per ruolo ed essere sempre pronti a qualsiasi evenienza. Gli avversari hanno la combo Phara-Mercy e il nostro Mcree non riesce a eliminare questa minaccia?
Osserviamo e vediamo cosa potrebbe essergli più utile, uno scudo per difendersi dai razzi, oppure le cure ricevute dalla coppia in volo è troppo alta per essere eliminata allora si può aiutarlo con uno zenyatta per aumentare i danni. Altrimenti si può prendere la stessa combo ed affrontare il fuoco con fuoco. Questo è solo un esempio delle possibilità offerte dal gioco ed avere una visione completa di tutti gli eroi può aiutare a compiere questa scelta nel miglior e soprattutto minor tempo possibile che in Overwatch è vitale.

Questo sparatutto è un gioco di squadra, il singolo può spostare l’ago della bilancia ma non vincerà mai da solo, quindi è importante essere propositivi e giocare come un’unica entità, evitare di andare al massacro contro 6 avversari, aspettate il resto della squadra ed attaccate insieme. Se iniziate uno scontro e perdete rapidamente due o più compagni, arretrate, così facendo bloccherete la rigenerazione delle ultimate avversarie. Inoltre Overwatch è un gioco a obbiettivi, non vince chi fa più kill o chi cura di più ma semplicemente chi porta a termine la missione per primo. Se volete giocare a “chi uccide di più” è disponibile il Deathmatch nella sezione arcade.

Chi parla?

Altro consiglio è di comunicare in modo constante., Se siete in prima linea, avvertite il team di ogni cosa che succede davanti a voi. Indicate se ci sono nemici isolati o con poca vita o le abilità che hanno usato. Stesso discorso se preferite giocare nelle retrovie e un avversario si sta avvicinando minacciosamente, oppure è sfuggito un fiancheggiatore a chi vi deve proteggere. Inoltre evitate di “spammare” con i tasti rapidi, chiedere 5 volte in un secondo di essere curati non aiuta né voi né il support incaricato e potrebbe distrarre in modo eccessivo causando errori a volte fatali nello svolgimento del gioco.

L’ultimo consiglio è di evitare di entrare nelle partitecompetitive se non avete fatto un paio di partite di riscaldamento. Videogiocare richiede concentrazione e soprattutto una buona dose di riflessi e attività muscolare, il nostro corpo ha bisogno di tempo per essere al massimo delle sue condizioni e un paio di arcade o quick aiuta. In aggiunta è sempre possibile che si verificano degli errori e finché vengono riscontrati nelle modalità non competitive non si hanno gravi conseguenze.

Con questi consigli la vittoria non sarà assicurata al 100%, ma può aiutare molte persone a ricordarsi che Overwatch è pur sempre un gioco e ci si può accontentare anche di partite combattute che spronino ad  alzare l’asticella delle proprie abilità.

Vuoi seguirci da vicino o hai altre domande per noi?

Iscriviti alla nostra community su Facebook!