Intervistato dal Time, il Presidente di Nintendo of America, Reggie File-Aime ha parlato dell’inserimento della casa di Kyoto nel mercato dei dispositivi mobile, ma anche del fenomeno Amiibo e del nuovo programma fedeltà My Nintendo.

Riguardo all’approdo di Nintendo sul mercato mobile, Reggie ha chiarito un concetto fondamentale riguardo al mercato dei giochi su piattaforme smart.

“Purtroppo c’è una mentalità semplicistica là fuori, che ‘fare un gioco di Mario per dispositivi smart’ è una ricetta per stampare soldi. E invece non lo è. Semplicemente non è. La mentalità artigianale di Kyoto dice che tutto quello che andremo a creare ha bisogno di essere una meravigliosa esperienza per i consumatori.”

“E quindi per noi la risposta non è semplicemente prendendo giochi esistenti e fare il porting sui dispositivi smart. La nostra risposta è quella di creare nuove esperienze interessanti che sfruttano quello che i dispositivi smart sanno fare meglio.”

Reggie ha anche parlato controverso primo mobile game Nintendo Miitomo e dell’idea di fondo dietro il progetto.

“In cuor suo la gente sta usando [i dispositivi intelligenti] come un modo per rimanere in contatto con gli altri attraverso una varietà di mezzi diversi. Pensiamo di poter fornire un’esperienza che è differenziata sul mercato, e sfrutta ciò che il dispositivo fa bene. E certamente porteremo la nostra migliore IP nel mondo degli smart device, ma abbiamo intenzione di farlo in un modo che sfrutta ciò che questi dispositivi fanno, che consenta uno stile di gioco che ha un senso. Questo è ciò che di fondamentale importanza per noi.”

L’idea di base è quindi quella di ridare a smartphone e tablet il lovo valore iniziale di mezzi di comunicazione e non di spingerli verso una connotazione maggiormente votata al gaming. Reggie ha poi parlato del nuovo programma di fedeltà, My Nintendo che arriverà da noi a Marzo e che è già stato avviato parzialmente in Giappone.

“My Nintendo è destinata ad essere l’hub virtuale per tutte le interazioni con i consumatori Nintendo. […] Questo significa che giocando una applicazione su dispositivo smart, Nintendo riconosce che avete fatto ciò e sarete ricompensati per tale attività. Acquistando giochi per i nostri sistemi di gioco dedicati, My Nintendo lo saprà e sarete ricompensati per tale attività. Ma anche giocando, guardando video, andando agli Universal Studios.”

“Dato che la visione è molto più grande, la meccanica del programma necessitava di essere completamente ripensata e rifatta. Ed è per questo che il Club Nintendo è stato abbandonato per creare questo nuovo programma.”

[My Nintendo] è tremendamente ambizioso. E ‘qualcosa in cui stiamo cercando di prendere un concetto molto complicato e semplificarlo il più possibile.”

Infine un piccolo richiamo agli Amiibo, di cui il nostro Dr. Nintendo ha parlato nel suo speciale dedicato, e alla loro valore nei programmi aziendali di Nintendo.

“Mi soffermo su Amiibo perché in molti modi riflette la direzione nella quale Nintendo sta andando. Sfruttando le nostre IP, sfruttandole in una varietà di modi diversi, che si tratti di guidare il nostro business dei giochi dedicati, che si tratti di guidare le nostre iniziative per smartphone, sia che si tratti di sfruttare le nostre partnership con altre aziende come Universal Studios per creare attrazioni uniche.”

Ti Potrebbe interessare anche...