Dopo tanta attesa il mondo Blizzard di World of Warcraft si espande, allargando l’universo del conosciutissimo MMORPG, fino al tavolo da gioco di una taverna con un trading card game free-to-play con tutte le carte in regola per avere un successo assicurato: Hearthstone.

Hearthstone non è integrato all’interno di World of Warcraft e non richiede un abbonamento, ma è bensì un gioco stand alone con un client dedicato e, almeno per il momento, con nessuna interazione con l’MMORPG dal quale prende ispirazione.

A tutti gli effetti Hearthstone va a sostituire il TCG cartaceo che probabilmente qualcuno di voi ha avuto modo di conoscere e provare, anche se in realtà a livello italiano non ha mai avuto molto successo a differenza di Magic The Gathering o Yu-Gi-Oh!, che rimangono padroni incontrastati del mondo dei giochi di carte. Hearthstone quindi prova a sfondare sul mercato digitale, portando una ventata di aria fresca alla monotonia dei giochi free-to-play attualmente in circolazione di questo genere.

Meccanica ed Eroi

La meccanica del gioco è semplice: lo scontro è un 1v1 con due eroi che combattono ed hanno 30 punti vita ciascuno. Vince chi porta l’avversario a 0. Ogni giocatore ha a disposizione un mazzo da 30 carte, che può ovviamente essere costruito come uno meglio crede con le carte a disposizione nella propria collezione, inserendo al massimo 2 copie della stessa carta e 1 sola copia nel caso la carta sia “Leggendaria” (vedremo dopo la classificazione delle carte). Ad ogni turno viene garantito al giocatore 1 cristallo di mana, fino ad arrivare ad un massimo finale di 10, che serve ad utilizzare le carte. In alto a sinistra di ogni carta è indicato il valore in mana per poterla mettere in campo. Se quindi abbiamo 1 cristallo di mana e giochiamo un servitore con costo 1, una volta messo in campo, non avremo più cristalli a disposizione in quel turno e dovremo aspettare il turno successivo per ricaricare quello usato ed aggiungere il secondo cristallo e così via.

In totale gli eroi utilizzabili sono 9 e con il proprio particolare stile di gioco e le proprie abilità. I personaggi sono utilizzati dopo averli sbloccati battendoli una volta in modalità allenamento.

hearthstone-heroes-of-warcraft-beta

Ognuno ha un potere speciale che può essere utilizzato 1 volta a turno:

  • Cacciatore – Al costo di 2 mana spara una freccia che infligge 2 danni all’eroe avversario
  • Mago – Al costo di 2 mana lancia una palla di fuoco che infligge 1 danno ad un servitore o ad un eroe
  • Stregone – Al costo di 2 mana e 2 punti vita pesca una carta
  • Sciamano – Al costo di 2 mana mette in campo un totem casuale
  • Paladino –  Al costo di 2 mana mette in campo un servitore 1/1 (attacco/vita)
  • Ladro – Al costo di 2 mana equipaggia un’arma 1/2 all’eroe oppure, se si possiede già un’arma, aumentarne il danno di 1
  • Druido – Al costo di 2 mana l’eroe guadagna 1 attacco e 1 difesa (cumulabile)
  • Guerriero – Al costo di 2 mana l’eroe guadagna 2 difesa (cumulabile)
  • Prete – Al costo di 2 permette di curare un servitore o un eroe di 2 punti vita

Ogni combattimento garantisce dei punti esperienza che vengono assegnati all’eroe e aumentando di livello sì sbloccheranno le carte appartenenti al core set. Per sbloccare tutte le carte base di un mazzo bisogna raggiungere il livello 10 di ogni personaggio, cosa possibile sia giocando contro l’IA sia contro avversari in carne ed ossa. Una volta sbloccate queste carte per migliorare il proprio mazzo, sarà necessario acquistare i pacchetti disponibili nello store del gioco per avere carte migliori.

Lo store e le carte

I pacchetti, che contengono 5 carte ciascuno, sono acquistabili sia con i gold, una valuta virtuale che viene assegnata completando le missioni giornaliere (es. vinci due combattimenti con il Druido o uccidi 100 servitori ecc.), oppure con soldi reali. All’interno di un pacchetto si possono trovare delle carte con la seguente classificazione: comune, rara, epica o leggendaria. Ovviamente più si va lontani dalla “comune” più le carte sono potenti e difficili da trovare!

Hearthstone però permette di creare le carte che ci mancano utilizzando una polvere arcana che si ottiene distruggendo le carte che abbiamo trovato nei pacchetti (le carte base non possono essere disincantate). Più la carta è rara più ci darà materiale per creare le carte, che saranno anche più costose da comprare se non comuni. A voi la scelta quindi. Disincantare i doppioni oppure delle carte che pensate di non utilizzare? Scegliete bene perché una volta fatto perderete quella carta!

Ecco i prezzi per l’acquisto dei pacchetti con valuta reale e virtuale:

  • 1 busta = 100 gold
  • 2 buste = 2,69 €
  • 7 buste = 8,99 €
  • 15 buste = 17,99 €
  • 40 buste = 44,99 €

Le modalità di gioco

Una volta scaricato il gioco, disponibile anche in lingua italiana, inizia subito un tutorial a step dove, anche i meno esperti del genere, hanno modo di capire come funziona il gioco e, grazie ad un’interfaccia semplice ed intuitiva, si viene subito trasportati sul tavolo da gioco dove impersoneremo la potente maga Jaina Proudmoore che si trova ad affrontare degli avversari controllati dall’IA in 1v1.

Completato il tutorial iniziale avremo potremo scegliere a quale modalità giocare:

  • Gioco: partite classificate che vi permetteranno di scalare la classifica fino alla Platinum League, e non, contro avversari reali, con i mazzi base o quelli creati da voi;
  • Allenamento: dove potrete allenarvi giocando contro l’IA testando i vostri mazzi combattendo l’eroe che preferite;
  • Arena: partite contro avversari reali con mazzi creati sul momento con carte casuali.

Mentre le prime due modalità sono piuttosto semplici e non necessitano ulteriori approfondimenti, l’Arena è quella più particolare e, sotto molti punti di vista, più intrigante ed avvincente.

Prima di tutto bisogna sottolineare che per partecipare all’Arena bisogna pagare la quota di iscrizione. La prima partita che farete vi sarà offerta, mentre le seguenti potrete giocarle pagando 150 gold oppure 1,79 €.

Una volta dentro vengono proposti 3 eroi casuali da scegliere. Ne potete scegliere ovviamente solo uno e da questo momento in poi tutte le carte specifiche della classe selezionata vi vincoleranno fino alla fine del draft. A questo punto vi verranno proposte 3 carte ogni volta, non solo quelle che avete nella vostra collezione ma tutte le carte disponibili nel gioco, e voi ne dovrete scegliere una ogni volta, fino al completamento del vostro deck, ovvero quando raggiungerete le 30 carte.

Una conoscenza approfondita di tutte le carte e delle loro sinergie sarà utilissima, anche se una certa dose di fortuna nelle carte che vengono proposte non guasta mai! Finita la parte di deck building inizia la battaglia con gli altri avversari che, come noi, hanno costruito il loro deck sperando di arrivare alle fatidiche 9 vittorie. In sostanza ogni vittoria ci porta a salire verso la ricompensa più grossa, e potremo fallire 3 volte al massimo prima di essere esclusi dall’arena! Ogni vittoria garantisce la possibilità di avere una reward migliore al momento dell’esclusione, perché sì, alla fine anche se non si arriva a 9 vittorie, si vince sempre qualcosa tra cui pacchetti, gold o polvere arcana.

COMMENTO DELL’AUTORE
Heartstone è indubbiamente un piacevole passatempo, anche per chi decidesse di non giocare a livello competitivo comprando pacchetti per costruire il miglior mazzo in circolazione. L’Arena, garantisce la possibilità di assaggiare la sana competizione ad un prezzo accessibile, anche contando il guadagno abbastanza rapido di gold tra quest giornaliere e altri bonus.
La giocabilità è relativamente lunga, anche con i vostri amici di Battle.net sperando presto in una modalità speciale dove più giocatori giocano contro Onyxia ad esempio, ma per renderlo ancora più accattivante servirebbe forse una spintarella più decisa verso l’eSport, che permetta a chi vuole giocare “seriamente”, di avere anche qualche soddisfazione in più che quella di vantarsi al bar… o meglio in taverna.