Dopo l’uscita di Angry Birds, sono nati decine di cloni e simili, King Oddball è uno di questi,cercando di conquistare a suon di sassate anche le console casalinghe peccato che la sua natura mobile fin troppo evidente e una ripetitività troppo marcata gli impedisce di brillare.

Trama

Partiamo dalla trama. Ah! ci avete creduto, in King Oddball non ci sono preamboli, né video introduttivi a darvi due linee guide per capire cosa stia succedendo. Verrete subito catapultati sulla mappa di gioco a scegliere dove cominciare l’avventura, spostando l’icona sui carri armati per iniziare una sessione di gioco.Tutto quello che sappiamo Re Oddball vuole conquistare la terra prendendo a sassate le forze terrestri.

Gameplay

Voglio essere franco, il gameplay di King Oddball come detto in precedenza è ripetitivo fino allo spasmo: passerete tutto il tempo a lanciare sassi contro carri armati, elicotteri e soldatini, facendoli rimbalzare contro casse di esplosivi, abbattendo muri o pareti di sabbia.

king_oddball_1280x720_screen4

Il re sasso, anziché lanciare da una fionda i suoi massi, li afferra con la lingua e oscillando come un pendolo. Dovrete prendere il tempo per farlo cadere o lanciare contro gli avversari in maniera precisa e fare più danni possibili. Se invece lo fate rimbalzare fino in testa al re Oddball  otterrete un sasso extra.

Per completare ogni livello dovrete concatenare le collisioni sui nemici; le combo quindi sono un fattore fondamentale del gioco, infatti sopra le 3 combo avrete a vostra disposizione un sasso extra. Potrete calcolare alla perfezione ogni singolo movimento, ma il più delle volte sarà la fortuna che deciderà l’esito di una partita.

La fisica legata alle collisioni è buona anche se in molti casi il masso verrà scagliato quasi per sbaglio, quindi il rischio èsempre quello di ripetere anche più di dieci volte un singolo livello perché il sasso o è stato scaraventato troppo lontano o è rimbalzato male durante un esplosione e vi costringerà a riavviare una sessione, portando anche il più paziente dei giocatori alla frustrazione.

king_oddball_1280x720_screen5

La varietà dei livelli non esalta particolarmente: essi si presentano in tre categorie, facili medi e difficili, distinguibili per colore di fondo anche per diversificare gli scenari a seconda della zona della terra che andremo a colpire. Passato però il primo quarto di gioco molti situazioni sapranno di già visto aumentando il senso di de ja vù.

Tenete conto che per le 4 ore e mezza impiegate per portare a termine l’avventura abbiamo soltanto lanciato sassi contro carri armati, e l’aggiunta di nemici dotati di scudo aumenterà il reale senso di sfida, ma purtroppo non ci sono sassi in grado di esplodere o che si moltiplicano etc, quindi sul fronte varietà si poteva fare qualcosa di più.

In mezzo a tutto ciò ci sono delle modalità interessanti come quella “conquista il diamante” in cui dovrete usare solo due sassi anziché tre (il terzo sostituito da un diamante) per completare un livello oppure avere a disposizione un singolo sasso per completare l’obiettivo.

Tecnica

Sul fronte tecnico poco da segnalare, una grafica a cartone animato molto gradevole e il tema musicale che sembra riarrangiato da Super Mario rendono il tutto abbastanza conturbante ma gradevole.

king_oddball3

Conclusioni

King Oddball ha il suo motivo di essere nel settore mobile come gioco per intrattenersi in maniera mordi e fuggi. Il titolo 10 tons stufa presto se preso a grandi dosi, dato che lanceremo sassi su carri armati e poco altro ci pensano le modalità secondarie ha dare un pizzico di varietà e rigiocabilità al titolo e concatenare le combo è sempre motivo di soddisfazione anche se sarà la dea bendata a decidere il più delle volte. Nonostante i difetti il titolo King Oddball rimane un titolo magnetico che vi stimolerà a proseguire a discapito del ripetitività.