PREMESSA

Endless Space 2 è la seconda incarnazione del gioco di strategia sci-fi a turni sviluppato Amplitude Studios e pubblicato da SEGA. Il titolo è stato in early access per alcuni mesi e finalmente è pronto ad approdare nella sua versione definitiva. Per chi è riuscito a provare il gioco i cambiamenti non saranno tantissimi ma il miglioramento a livello di pulizia generale e di bilanciamento è sicuramente da apprezzare. Prepariamoci ad esplorare lo spazio ed a conquistarlo sviluppando al meglio ne nostre tecnologie in quello che rappresenta l’ultimo esponente del genere 4X a tema fantascientifico.

GAMEPLAY – 4X ESPLORA, ESPANDI, SFRUTTA, STERMINA

Per capire bene l’essenza di questo gioco bisogna masticare qualche parolina in inglese. Queste parole sono eXterminate, eXplore, eXpand, eXploit ovvero le famose 4X che caratterizzano questo particolare gioco che affonda le sue radici nei più classici giochi strategici a turni. Il gioco ha una trama, con una storyline grazie alle diverse fazioni fortemente diversificate ma la storia, quello che succederà al nostro impero, saremo noi scriverla.

Il titolo ruota tutto sulla successione di eventi per far crescere la nostra civiltà nello spazio con la possibilità di esplorare, espandere i confini, sfruttare risorse, ed ovviamente iniziare guerre con altre popolazioni su altri pianeti. Il profondo ed articolato gameplay è il cuore pulsante di questa produzione e ed il simil-tutorial di introduzione è essenziale per capire le dinamiche del gioco. Per chi invece arriva dal primo capitolo della serie si troverà fin dalle prime battute in una sorta di casa già visitata ma decisamente più grande con architetture più complesse.

La gestione dei pianeti è stata in gran parte rivista ed approfondita, anche grazie alla creazione di una struttura più stratificata per lo sviluppo. Il gioco richiede di controllare molti elementi alcuni dettati dalla razza da cui decideremo di partire che determineranno i punti di forza e i punti deboli della vostra civiltà.

La scelta iniziale dipende dai gusti personali si potranno scegliere i Vodyani se ci si vuole dedicare alla scienza o The United Empire se il nostro obbiettivo è la tecnologia al servizio della guerra. Ogni fazione ha la sua Lore e molti dettagli che vale la Pena di leggersi e guardare in video nell’apposito sito Endless Space 2. Il gioco è caratterizzato da otto fazioni principali giocabili, ognuna con il proprio gameplay, trama, mondo, astronavi, eroi e tecnologie. Ma il gioco non finisce qui infatti, oltre alle principali fazioni saranno presenta sedici fazioni minori. Queste rappresentano piccole civiltà che vivono nella galassia che possono essere assimilate dai giocatori. Alcuni di loro hanno, come quelle principali, eroi e tanto altro da scoprire.

Se lo scopo del gioco è chiaro risulta difficile spiegarlo senza elencare le infinite possibilità che Endless Space 2 può regalare. Mentre cominciamo ad esplorare, espandere i nostri confini, sfruttare risorse e popolazioni ed a sterminare quelle che minacciano la nostra esistenza, saranno presenti anche alcune missioni che caratterizzeranno la storia della nostra civiltà. Gli avvenimenti storici del nostro impero saranno scritti durante le nostre spedizioni. Inutile dire che il tutto risulta quasi geniale e perfettamente inserito nel tessuto di gioco senza risultare forzato o stucchevolmente hollywoodiano.

Presente un interessante “simulatore politico” che gestisce tutta la componente di chi e come sale al potere e le leggi che governeranno la nostra civiltà. Questo elemento risulta ben bilanciato non troppo profondo e neanche troppo invasivo lasciando più spazio alla parte di esplorazione e conquista con a cui non mancheranno i consueti combattimenti.

Il sistema di battaglia è stato rivisto rispetto al primo capitolo e, anche per i veterani del genere, sarà richiesto un leggero adattamento. Le sezioni lunghe, medie ed a corto raggio sono state eliminate per dare una sorta di continuità maggiore alla battaglia. La nostra strategia iniziale sarà quella che dovremo portare a termine nel bene o nel male anche se potremo apportare modifiche nel corso della battaglia come di consueto.  Aggiunta la possibilità del combattimento planetario che fissa l’assalto ad avamposti e pianeti avversari.

Lo svolgimento è lo stesso del classico combattimento, ma potremo vedere scendere in campo truppe da sbarco, soldati per la difesa o elementi che potranno insidiarsi tra le truppe nemiche. Per capire bene il gameplay possiamo definirlo “a strati”. Ogni elemento ha vari strati che il giocatore potrà o meno approfondire scavando fino a trovare la miglior combinazione possibile o, per i meno meticolosi e certosini, limitarsi alla macro gestione della propria fazione. Endless Space 2 ne ha per tutti i gusti, sempre a patto di aver uno spirito gestionale ed esplorativo (per intenderci se siete un Fifa boy o un COD boy forse è meglio guardare altrove).

ENGINE E TECNICA – UNITY 3D Rulez!

Partiamo subito dal motore grafico utilizzato quel Unity 3d che lentamente, anzi ormai sempre più velocemente, si sta facendo apprezzare da molti sviluppatori. L’engine riesce a portare a schermo un buon livello di dettaglio con un quasi perfetto compromesso tra risoluzione e fluidità anche grazie alla sapiente impostazione e gestione delle schermate del team di sviluppo. Il menù è elegante e scarno, pochi fronzoli ma nessun indice di trascuratezza. Con pochi click potremo muoverci tra i vari elementi che propone il gioco e possiamo, per una rara occasione, dire che risulta più semplice da fare che a dire (in questo caso scrivere).

Il livello di dettaglio e buono e curato anche se siamo lontani dalle grandi produzioni. Grande importanza è stata data alla caratterizzazione delle fazioni e dagli elementi di gioco che danno spessore al titolo anche nei momenti il cui un maggiore dettaglio avrebbe dato quel tocco di classe in più.

L’intelligenza artificiale risulta spesso credibile e ben articolata, mettendo in pratica azioni coerenti e comprensibili o come meglio dire “umane”. Le musiche riescono a coprire un buon quantitativo di situazioni senza risultare mai noiose anche se manca quel brano, quella musica che potrebbe dare personalità al titolo. Assente la traduzione in italiano ma oggi come oggi l’inglese non è un must ma un super-ultra-must.

Da riportare alcuni problemi sul mio PC desktop di casa che, nonostante svariati tentativi, non è mai riuscito ad avviare il gioco. Fortunatamente dal portatile di lavoro non ho avuto nessun intoppo.

CONCLUDENDO

Scrivere questa recensione mentre gestivo la mia ormai avanzatissima ed immensa fazione (vi piacerebbe sapere quale ndr) è stato un vero diletto. Raramente mi sono trovato a scrivere con la scioltezza che questo gioco è riuscito a regalarmi. Il motivo non è legato al fatto di gusti del genere, mi ritengo un giocatore di avventure, RPG e FPS, ma per la semplicità nel gestire quello che a parole può sembrare complesso. Questo per me è l’elemento da apprezzare in Endless Space 2 affiancato dalla sua capacità di stratificare ogni elemento. Il desiderio di entrare in ogni singolo dettaglio è stato forte ma sarà il giocatore a scoprire come orchestrare ogni singolo elemento della sua fazione.

Chi ha spolpato Endless Space troverà in questa seconda incarnazione del gioco una naturale evoluzione sotto tutti gli aspetti, da quello tecnico a quello pratico. I cambiamenti dal primo capitolo ci sono e grazie ad una grafica curata e al Games2Gether, una piattaforma che permette agli utenti di interagire con il team di sviluppo, Endless Space 2 è un must del genere che non può mancare nella nostra collezione.