Quando si tratta di accessori per console in molti casi si ha difficoltà a scegliere il prodotto più adatto alle proprie esigenze, soprattutto economiche, riuscendo ad avere tra le mani qualcosa che sia comunque qualitativamente accettabile. E in questo caso lo scontro tra prodotti originali e quelli terze parti si gioca ovviamente sul rapporto qualità prezzo. In questo contesto, la popolarità di Nintendo Switch ci ha permesso di avere a disposizione una serie di prodotti alternativi: tra questi, Game Devil ha tra le sue proposte Switch Pro-S2 Controller Wireless.

Qualcuno potrebbe pensare che non c’è concorrenza e che un prodotto non ufficiale non può essere rapportato ad uno ideato dalla casa madre. Ma a questa equazione vanno inserite alcune variabili che non tutti inseriscono: il prezzo per esempio, ma su quello sono tutti lì a fare i conti nei propri portafogli. Non molti pensano alle potenziali applicazioni di un controller diverso da quelli originali. Quindi vediamo dove e come un prodotto come questo Game Devil Pro-S2 può essere usato e valutato.

Plastica leggera e tasti riconfigurati

Il primo punto che può spaventare appena si tiene in mano questo controller è la leggerezza e apparente fragilità delle plastiche. Il controller ha infatti delle dimensioni adeguate, ma la sensazione iniziale è che si stringa tra le dita un oggetto fragile. Anche il peso ridotto e i click netti dei dorsali mi avevano fatto spaventare inizialmente. Un timore che si è affievolito appena messo in campo il controller: la risposta dei controlli ha rari casi di input lag e gli stick sono precisi e con una adeguata resistenza che non dà quella sensazione di “mollezza” sotto il dito tipica di prodotti non ufficiali. Anche la solidità in fin dei conti è adeguata seppur la vernice sembri un po’ delicata.

Una particolarità spiazzante è il diverso posizionamento di alcuni tasti e soprattutto dello stick sinistro, allineato in basso con quello destro, che ricorda le console Sony, spiazzante all’inizio ma presto accettabile. Altra particolarità è la presenza di tre differenti impostazioni della croce direzionale che permettono di avere delle configurazioni differenti per i giocatori più esigenti, come per i picchiaduro picchiaduro classici nei quali si potrebbero apprezzare particolarmente la funzione Turbo che aggiunge una maggiore, seppur minima, reattività dei comandi, la cui abilitazione non è, però, minimamente segnalata sul controller.

Sensori motion, ce l’ho… ma quanto vibri

La sorpresa come scritto nella recensione breve è la presenza dei sensori di movimento che non ci si poteva aspettare da Switch Pro-S2 Controller e che invece non solo sono presenti, ma fanno la loro degna figura (il test con Splatoon 2 è stato più che accettabile) anche se abbiamo notato, forse anche a causa del peso minore, una maggiore sensibilità e qualche sbandamento occasionale. Assente invece il sensore NFC, ma non si può avere tutto.

Quello che non sono riuscito a spiegarmi è la gestione della vibrazione davvero folle. In più di una occasione il controller ha vibrato perennemente e con una intensità tale da risultare fastidioso. Non c’erano variazione di intensità, ma un lungo e ininterrotto tremolio che ha dato molto fastidio tra le mani, apprezzando le fasi di pausa tra una partita e l’altra quando la vibrazione non entra in funzione.

Ultimo argomento, quello che forse molto attendono, è la ottima durata della batteria. Siamo lontani dalle ore di gioco possibili con il Pro Controller Nintendo, ma il prodotto di Game Devil si difende comunque bene raggiungendo le 15 ore di utilizzo prima di dove essere messo sotto carica.

Come detto si tratta di un controller che non può sostituire completamente il Pro Controller di Nintendo Switch, ma è comunque un buon prodotto per evitare che mani inesperte possano rovinare il prezioso pad ufficiale o i Joy-Con. Ad un prezzo davvero concorrenziale rispetto a quello ufficiale, potreste avere un terzo controller che vi darà la possibilità di dare a tutti l’occasione di giocare con voi su Nintendo Switch senza onerose spese aggiuntive e .

Ti Potrebbe interessare anche...