La Bufala di Gamempire #3: 50 sfumature di Assassin’s Creed

La Bufala di Gamempire è una rubrica in cui i redattori presenteranno news reali sui videogiochi ma interpretate in modo surreale.

Benvenuti al terzo numero de “La Bufala di Gamempire”!

 43eb90ed59d0ca01775b923e874ae427

La Bufala di Gamempire è una rubrica in cui i redattori daranno libero sfogo alla loro fantasia (e demenzialità), presentando alcune news reali sui videogiochi ma interpretate in modo del tutto surreale o inventate di sana pianta. Se vi siete persi i precedenti numeri della rubrica, potete leggerli al seguente link La Bufala di Gamempire #1 e La Bufala di Gamempire #2.

Commentate numerosi sul sito! Fateci sapere cosa ne pensate anche attraverso uno dei nostri canali social:

Facebook

Twitter

Google+

1 – 50 sfumature di Assassin’s Creed e 2001: Assassin’s Creed nello spazio sono in sviluppo

bbc9c8387b1899f7a9872b0dff734dda

Dopo Assassin’s Creed: Victory Ubisoft punta a rinnovare totalmente il brand Assassin’s Creed, con più di cinquanta titoli ispirati all’arte, al cinema, alla musica e ad altri videogiochi. Questi nuovi Assassin’s Creed terranno occupati i fan della serie (probabilmente pensionati o defunti) per i prossimi 80 anni!

Il team di sviluppo si è detto soddisfatto dei futuri progetti, che al pari di FIFA e PES, usciranno puntualmente ogni anno per tutte le piattaforme e ogni strumento elettronico, compresi: cellulari, smartwatch, satelliti, microonde e spazzolini elettrici. Tra i titoli di punta del brand ci saranno:

  • 2001: Assassin’s Creed nello spazio;
  • 50 sfumature di Assassin’s Creed;
  • Assassin’s Creed: Ezio (italian) Jones e i predatori dell’acca perduta;
  • Non aprite quell’Assassin’s Creed: su questo capitolo il producer Daniel Palix commenta: “Il titolo è da migliorare, gli utenti spaventati dalla scatola potrebbero non aprire la confezione. Però chissene, l’hanno acquistato è questo l’importante, niente rimborsi!”;
  • Call of Assassin’s Creed;
  • Assassin’s Creed Cenerentola;
  • Attenti all’Assassin’s Creed;
  • Profumo: storia di un Assassin’s Creed;
  • Non è Assassin’s Creed (ti stai sbagliando chi hai visto non è);
  • Assassin’s Creed: Future Soldier;
  • Mamma ho perso Assassin’s Creed;
  • 10 Assassin’s Creed per me (posson bastare);
  • Assassin’s Creed: John Connor Chronicles;
  • Radio GagAssassin’s Creed;
  • Per un pugno di A$$a$$in’$ Creed;
  • L’urlo di Assassin’s Creed terrorizza l’occidente;
  • Forza Assassin’s Creed;
  • Giulia Passione Assassin’s Creed;
  • Riderà Assassin’s Creed.

Purtroppo Ubisoft non si è voluta esporre troppo quindi i restanti titoli saranno una sorpresa. Abbiamo però un’immagine esclusiva tratta da 2001: Assassin’s Creed nello spazio, che avrà come direttore artistico uno sconosciuto di nome Stanley Kubrick.

24a5dabdb1eb90d44079a3d42c5bcdb3

2 – Hideo Kojima sparisce dal web: la porta del bagno era rotta

64003350e5903b01a6623e7f565d9ea7

La storia ha inizio il 2 aprile 2015, quando Hideo Kojima – noto game designer di Metal Gear Solid – sparisce misteriosamente dalla rete. La verità è una sola, chiarita poi dallo stesso Hideo Kojima in un’intervista con il nostro Pasquale Questa, tanto caro (in termini monetari) e tanto efficiente (in termini di mazzate volanti). La leggenda vuole che Hideo Kojima sia stato licenziato da Konami, per poi sparire dai social network ma in realtà il producer è sparito prima dal web.

Il 1° aprile, noto giorno delle burla inutili, Kojima dichiara di aver organizzato con il suo team un bel gioco ispirato all’universo Metal Gear chiamato “acchiappaRAYllo”, nota fusione di acchiapparello e nascondino.

Partendo dall’ufficio Konami, il team ha iniziato a sparpagliarsi per la città munito di scatoloni, in modo da rendere il gioco più difficile e longevo. Kojima dal canto suo decide strategicamente di inscatolarsi e di dirigersi lentamente a casa. Raggiunta casa dopo cinque ore e scritto il rapido post su Twitter “torno subito”, come i barbieri, si è congedato per una sosta al bagno.

Dopo tale evento nessuno ha avuto più sue notizie fino al 16 aprile e Konami si è vista costretta a licenziarlo, mentre il team preoccupato e senza direzione ha deciso di abbandonare il progetto Metal Gear V e dedicarsi a un videogioco professionale di freccette.

Ma cosa è successo in quei quindici giorni? Come in Deus Ex: HR, quel lasso di tempo mancante ci è stato poi chiarito sottoforma di DLC da parte di Kojima:

Come ho detto “acchiappaRAYllo” sarebbe stato una rivoluzione per i bambini, ma il mio sfortunato incidente ha interrotto la sperimentazione.

“PASQUALE LA VANGA NO! PARLO, PARLO!” (commento originale dell’intervistato).

A cento metri da casa ero ancora inseguito da uno del mio team, che di sicuro aveva l’abilità livello 3 dello scatolone perché correva furiosamente, ma con una deviazione sono riuscito a seminarlo. Dopo essere rincasato, lo stare accovacciati per ore nella scatola mi ha spinto ad una rapida corsa al bagno e, con grande vergogna, devo dire ai miei fan che ci sono rimasto per quindici giorni.

Badate, non era un problema intestinale ma la porta che avevo chiuso a chiave si era incastrata per bene. Il mio bunker antizombi si era trasformato in una trappola senza uscita. Credendo fermamente nell’apocalisse zombi ho sigillato le finestre, mentre le porte possono essere aperte solo dall’interno, ma spesso sono difettose.

Lì avevo tutto, cibo, acqua, e videogiochi ma la stanza insonorizzata non mi permetteva di chiedere aiuto. Come sopravvivere ai cattivi odori del bagno? Avevo pensato a tutto, granate fumogene al profumo di fiori d’arancio.

Dopo diversi giorni quella str… ega della mia vicina (in gioventù mi avrà bucato decine di palloni) vedendomi gesticolare da dietro la finestra e pensando a un’offesa, ha infranto il vetro del bagno per suonarmele di santa ragione. Se notate, questo paio di occhiali è nuovo.

Solo successivamente ho saputo del mio licenziamento e ho chiarito tutto con Konami ma il mio team ha deciso che lavorerà solo su Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, poi si dedicherà ad una saga sui campionati di freccette. Farò tesoro di questa esperienza scrivendo un libro intitolato “Quando il bagno ti si rivolta contro, e chi chiamerai?.

3 – Mortal Kombat X: il DLC di Spongebob sarà il prossimo

df04019a87e3c771512fc90fe886a3f9

Dopo la notizia del futuro rilascio dei DLC di Predator e Jason come personaggi giocabili, NetherRealm Studios continua a stupire i propri fan dichiarando che presto sarà rilasciato un nuovo e brutale combattente per Mortal Kombat X, SpongeBob in DLC.

Il produttore esecutivo Ed Boon ha commentato:

Sono felicissimo di annunciare SpongeBob come new entry nel roster di MKX. L’idea era venuta già nel corso dello sviluppo di Mortal Kombat 9 ma il signor David Michael Hasselhoff, conosciuto da molti come Mitch Buchannon, non era d’accordo, perché coinvolto in SpongeBob – il film, ma una salvagentata in testa gli ha fatto cambiare idea.

Il DLC di SpongeBob sarà disponibile in esclusiva per console mentre per PC gli utenti si attaccassero. Odio gli smanettoni e vedere Rain e Tanya giocabili prima di dover sborsare i soldi ci ha dato seriamente fastidio.

Il prezzo del DLC dipenderà da come ci gira in quel momento e per ora è di 9,98€.

Abbiamo inoltre l’esclusivissima immagine della prima fatality di SpongeBob.

6eb4169994c77af8d5e95b6aa0158187

4 – Call of Duty Black Ops 3: il season pass lo paghi a rate

174394116c6983545f36916c2cb29b4f

Interessante iniziativa da parte di Infinity… no, è Treyarch quest’anno? Diciamo iniziativa di Activision, che consentirà ai giocatori di tutto il mondo di pagare Call of Duty Black Ops 3 + season pass, oppure solo il season pass, in comode rate mensili con TAN 0,00% e TAEG 99%. Solo il gioco invece dovrà essere pagato immediatamente in contanti, onde evitare spiacevoli pacchi bomba sotto casa da parte del team di sviluppo.

Il season pass, del modico e accessibile prezzo di 49,99€, conterrà 4 DLC ancora ignoti ma quasi sicuramente avranno un occhio di riguardo per l’ambiente, quindi ci si aspetta entusiasmanti mappe multiplayer riciclate da precedenti capitoli della serie, con altrettante personalizzazione di armi e personaggi.

Questo capitolo, come anche il precedente Advance Warfare, strizzerà l’occhio alla nota saga futuristica di Tom Clancy’s Ghost Recon, senza dimenticare (stavolta) una spruzzatina di Deus Ex: Human Revolution.

Come cita il trailer ufficiale: “L’unica domanda che resta è”… questi delle operazioni speciali andranno mai in pensione?



Redattore di Gamempire dal 2009, rientra nella cerchia dei vecchi rinco del sito. Cresciuto nelle sale arcade tra Tekken 3 e Metal Slug, si è convertito a PlayStation. Appassionato di fantascienza e di avventura, pur non essendo amante degli FPS classici, non disdegna qualche sparatutto non convenzionale.