Siamo giunti nel tanto, !??atteso??!, 2018 ed è giunto il momento di stilare la lista dei giochi Xbox che arriveranno in questo nuovo anno.
Partiamo da quello che conosciamo già, ovvero Sea of Thieves, State of Decay 2 e CrackDown 3.
Partiamo dall’ultimo della lista, CrackDown 3, forse il titolo più controverso. Continuamente posticipato il titolo sviluppato da Reagent Games potrebbe essere un bel buco nell’acqua, quanto visto fino ad ora non ha esaltato nessuno, saranno bastati i mesi aggiuntivi (se non anni) per migliorare il prodotto?
State of Decay 2 è il gioco più atteso a tema zombie del 2018, se la moda sembra passata la concorrenza sarà poca e sicuramente gli amanti del genere si butteranno su questo titolo. Sviluppato da Undead Labs il gioco potrebbe dare una piccola scossa al genere con elementi permanenti di personalizzazione in stile mmorpg.
Sea of Thieves è senza dubbio il titolo che suscita più interesse vuoi per l’ambientazione, chi non vorrebbe essere un lupo di mare, vuoi perché dietro al titolo c’è la storica Rare. Il gameplay dovrebbe essere innovativo accompagnato da una grafica in cui il mare sembra veramente quello in cui ci tuffiamo ogni estate (forse anche meglio…)

Altri titoli conosciuti che accompagneranno esclusivamente i possessori di una console Xbox saranno: The Last Night, un platform game sviluppato da Odd Tales ed Ori and the Will of the Wisps, sequel dell’apprezzato titolo uscito nel 2015 Ori and the Blind Forest di Moon Studios.
Su questi due giochi non mi sbilancio tanto ma ogni console che si rispetti necessita di giochi evocativi e ricercati non solo giganti “Blockbuster” per le masse.
Chiude la lista Ashen, interessante action RPG sviluppato da Aurora44 che potrebbe dire la sua anche grazie ad una grafica molto particolare.
Questi sono i giochi conosciuti o almeno quelli di cui si parla sui maggiori siti specializzati che potrebbero convincere i detrattori del marchio che le esclusive su Xbox ci sono e sono anche valide.

Cosa verrà annunciato durante il 2018? O durante il consueto E3 a giugno?

I nuovi capitoli della serie Halo e Gears sono già in lavorazione da tempo e molto probabilmente non mancherà l’annuncio di un possibile Forza Horizon 4, destinazione Giappone. Vero che il titolo spin off della serie Forza Motorsport potrebbe slittare al 2019, per dare un po’ di respiro, ma parliamo di uno dei migliori racing game di sempre…
Tornando a Master Chief, il sesto capitolo della serie sarà la guest star della versione 2018 del consueto appuntamento californiano. Molto probabilmente il gioco uscirà a novembre per passare il prossimo Natale nella nostra Powered Assault Armor preferita.
Il quinto capitolo della serie Gears of War non vedrà la luce prima del 2019, non nascondiamo il desiderio di vedere il seguito di una delle saghe più splatter di sempre giò nel corso di questo anno ma, l’accoppiata con Halo, la vediamo decisamente dura.
Rimanendo in casa The Coalition, sviluppatori di Gears, girano voci di un loro possibile coinvolgimento di un sequel per Perfect Dark Zero in cui vestiremo ancora i panni di Joanna Dark.
A titoli conosciuti si aggiunge un terzo, ReCore, gioco particolarmente apprezzato dal Phil Spencer deciso probabilmente a promuovere un secondo capitolo del brand. Il folle amore per i Mech del capo della divisione Xbox che potrebbe sfociare in un Titanfall 3 esclusiva Xbox come il primo capitolo.
Una nuova IP dovrebbe vedere la luce dai ragazzi di Playground Games talentuosi sviluppatori di Forza Horizon.
Il team si è allargato e, oltre ad essere al lavoro sul quarto capitolo della serie rancing, dovrebbero essere impegnati sullo sviluppo di un action RPG incentrato sulla narrazione. Sono solo rumors, qualcuno presuppone che siano a lavoro su un nuovo Fable per far risorgere il marchio. Ne sapremo di più durante il 2018.
I recenti viaggi del buon Phil potrebbero portare alla luce un Lost Odessey 2, titolo che servirebbe da traino in un mercato selettivo e sempre precluso al marchio Xbox come quello del sol levante.
Un altro team è stato messo in piedi recentemente da Microsoft ma non sono state rilasciate informazioni su cosa stiano lavorando. Le indiscrezioni parlano di un remake dei vecchi classici primo tra tutti Legacy of Kain o un Ninja Gaiden. Le licenze dei suddetti giochi potrebbero essere un problema, ma sperare non fa mai male.
In molti parlano di un ritorno di Tom Clancy’s Splinter Cell sotto il marchio Xbox ma i dubbi permangono per un brand che da tempo è diventato multi-piattaforma .
Chiude Age of Empire 4 esclusiva Pc ma, se i rumors del supporto mouse e tastiera su Xbox fossero veri, possibile l’arrivo su Xbox?

Third Parties Games!!!

In tutto questo non vanno dimenticati i giochi che vengono sviluppati su più piattaforme. Questi sono il vero traino del mercato oltre che ai servizi proposti dalle varie console.
Far Cry 5, Redemption 2, Monster Hunter: World, DragonBall FighterZ, Anthem, Metro Exodus, Vampyr e Code Vein sono alcuni esempi dei titoli che arriveranno a breve su Xbox.
Il marchio Xbox vive sul software e non sul hardware in sé e questo è un concetto che Phil Spencer ha ribadito più volte. I giocatori che volevano prendere la Xbox per giocare ad Halo anno già preso la console di Microsoft, un altro capitolo della serie non avvicinerà nuovi acquirenti, ma consoliderà quelli attuali. Lo steso per i vari Gears o Forza che siano. Il tempo delle esclusive che avvicina l’utenza funziona al lancio di una console, generazione, non dopo quattro o cinque anni. Vero la Mid-Gen ha ridato brio ad una situazione che si stava fossilizzando e sarà proprio questo il cavallo da battaglia della compagnia di Redmond: rendere Xbox One X la piattaforma migliore per giocare.
Un titolo come Playerunknown’s Battlegrounds è forse il più lampante esempio di che tipo di gioco l’utenza è interessata, con più di 20 milioni di copie vendute su PC per un gioco neanche in versione definitiva. I giocatori voglio competizione, originalità ed un titolo non fine a sé stesso ma che garantisce una curva di apprendimento lunga ed impegnativa. Un titolo come Quantum Break, per quanto possa essere piaciuto al sottoscritto, una volta terminato, 7 o 8 ore, viene archiviato. La competizione non si archivia mai

Device e Servizi

Chiude una piccola previsione sulle periferiche e servizi che accompagnano la console. L’elite controller, rilasciato sul finire del 2015, potrebbe ricevere una revisione. Sempre alcuni rumors vorrebbero Microsoft impegnata nello sviluppo di cuffie Elite da affiancare a tutti i modelli Xbox ma in particolare alla One X. Il tutto per completare un ambiente premium per chi non vuole scendere a compromessi.
Per i servizi Microsoft spingerà forte sul gamepass mantenendo inalterato il Games with Gold e i Deals with Gold. Anzi proprio questi strumenti di distribuzioni stanno diventando i più utilizzati con il mercato Retail in netta contrazione.
Recenti voci di corridoio vogliono il team xbox impegnato nel rivedere il sistema di obbiettivi, gli imperdibili achievements (suona molto meglio in madre lingua), con una possibile rivoluzione del sistema.
Come ultimo “orpello” non dimentichiamoci del già citato supporto di mouse e tastiera per la console, features che potrebbe veramente cambiare approccio al mondo delle console aprendo nuovi orizzonti per gli sviluppatori.

See you next time buddies
X-Boss Out

Vuoi seguirci da vicino o hai altre domande per noi?

Iscriviti alla nostra community su Facebook!