- L'impero lo consiglia a tutti!

Le conclusioni dell'impero
(Recensione Breve)

La serie Forza Horizon è nata sotto l’ombra del celebre marchio Forza Motorsport. Giunti al quarto capitolo della serie possiamo dire che il lavoro di Playground Games brilla di luce propria anzi, sotto alcuni aspetti, offusca il fratello maggiore.
Il secondo capitolo della serie fu un’autentica rivoluzione del genere, mentre il terzo confermò la qualità e talento del team. Giunti al quarto capitolo la serie necessitava un cambiamento ed un boost, non solo buttando nitro nel motore. Obbiettivo centrato al 92%, come il voto granitico su Metacritic.
Partendo dalla location, che in qualche modo apprezzo di più delle vaste lande australiane, al feeling di guida incredibilmente migliorato Forza Horizon 4 è un capolavoro del genere. Oltre ad essere mastodontico, centinaia di diversi tracciati, sfide, eventi, il gioco ci mette in “sella” a 450 veicoli al lancio del gioco. Pronti ad espandersi con contenuti futuri.
Ultimo, ma non meno importante, a livello tecnico il gioco lascia completamente di sasso. Effetti di luce ed ombre o il cambio, incredibile, di stagioni su cui si basa la progressione del gioco, è praticamente una libidine per gli occhi.
Se aspettavate un motivo per comprare una Xbox, Playground Games ve lo ha appena dato. Imperdibile.

Recensione Integrale

Pronti Via!!!

Forza Horizon 4 è un gioco dal facile approccio. Senza perdere troppo tempo saremo alla guida di una serie di bolidi da urlo, completando quelli che sono dei giri di prova che introducono le stagioni del gioco. Passeremo quindi dall’ottobre all’inverno per poi passare alla verde e umida primavera e terminare con la soleggiata e calda estate.

La storia del gioco è su tutte e quattro le stagioni e dovremo scegliere il mezzo migliore per affrontare i vari tracciati. L’impatto grafico, se giocato su One X e monitor 4k HDR, è una vera delizia per gli occhi e non solo grazie anche ad una campionatura ai limiti della perfezione. Forza Horizon 4 ci avvolgerà come se sentissimo il duro asfalto sotto il nostro sedile o le immense pozzanghere durante una veloce pioggia primaverile. Le sbandate controllate su tracciati innevati faranno da contraltare a sgommate violente sul cocente asfalto nel periodo estivo.

Una volta scelto velocemente il nostro alter-ego, che potremo customizzare come meglio vogliamo sbloccando vari oggetti, il Regno Unito si presenta in tutto il suo splendore.
La trama fa solo da collante, evitando strampalate avventure pseudo cinematografiche alla Need For Speed. Queste non serviranno considerando che la storia dell’ennesimo fuggitivo al volante di svariati bolidi ha stancato da un pezzo.

Il gioco punta sul coinvolgimento puro della guida sotto svariati aspetti, un gameplay immediato ma estremamente profondo e scalabile.

Corri dove vuoi e come vuoi

L’elemento più apprezzato dalla serie è l’abbattimento dei confini stradali. Forza Horizon ha tolto tutti quei limiti che molti giochi di guida hanno sempre avuto anche a discapito del realismo. Come da serie, potremo quindi uscire di strada e impazzare con il nostro mezzo tra vari campi fioriti o piombare su un gruppo di pecore disturbandogli il pasto.

La nostra guida non avrà confini e non sarà un mistero che il gioco ci incita a trovare strade migliori pur rimanendo nel tracciato di gare (evitando di saltare i vari check point).
Forza Horizon 4 offre una buona scalabilità per aumentare o diminuire il livello di sfida elemento, utilissimo se si vuole ricevere più crediti al termine di ogni tracciato. Le sensazioni di guida sono praticamente perfette per chi ama un arcade, ma anche per chi vuole cimentarsi in un simil realismo che non ha nulla da invidiare a titoli più blasonati.

Alzando il livello di difficoltà quindi Forza Horizon 4 sarà capace di offrire grandi soddisfazioni anche ai piloti più esperti con una vera simulazione, anche ai danni ed usura dei pneumatici. A questo si aggiungono i cambiamenti stagionali, dove la tipologia di terreno e le condizioni meteo dinamiche avranno impatti significativi sul nostro stile di guida.

Pad o Volante (un bel Logitech G920) il gioco riesce a dare quasi sempre il meglio di sé anche se è innegabile il piacere di avere il device appropriato. Come tutti i giochi, dopo un breve periodo di assestamento, potremo aumentare leggermente la sfida e sarà il titolo stesso a consigliarcelo. Potremo quindi vincere facile o portare più “pepe” alle nostre gare aumentando la sfida dei Drivatar.
Quest’ultimi ci sembra che abbiano raggiunto un livello di risposta alla nostra guida veramente impressionante, soprattutto a livelli alti di difficoltà.

Un trilione di modalità

Il progresso nel gioco è molto attuale e segue quanto visto nel capitolo precedente, più fan avremo più ci avvicineremo a sbloccare le gare successive.

Lentamente la nostra mappa si riempirà di eventi di diverso genere che ci terranno impegnati per un numero di ore mastodontico, senza considerare l’online e quanto quest’ultimo possa essere fonte di un divertimento quasi infinito. Forza Horizon 4 è un universo online condiviso da altri utenti, capace di unire un massimo di 72 giocatori nello stesso server. Potremo quindi sfidare i nostri amici o unirci a svariati eventi online con entusiasmanti testa a testa e la sempre apprezzata formula “Rivali“.

Avremo la nuova modalità Team Adventure, che ci farà prendere parte a gare e sfide di squadra per ottenere ricompense, e le solite componenti cooperative o PVP competitivo. Presente anche il sistema di Forzathon che garantirà sfide giornaliere ed eventi speciali sempre nuovi.
Con un semplice tasto potremo passare dalla sessione online a quella in singolo, elemento molto apprezzato perché ci eviterà lunghe sessioni di caricamento. Molto probabilmente la nostra partita è direttamente online su un server ed il passaggio risulterà quindi immediato.

Varie ed Eventuali

Nel Regno Unito non mancheranno i “Gioielli Dimenticati“, le famose auto abbandonate che tutti sognano di trovare nella vita quotidiana.

Queste si sbloccheranno man mano che procederemo nella nostra avventura. Oltre ai consueti salti, autovelox e derapate il giocatore sarà chiamato a diventare un vero stuntman con la ricerca di cartelloni da frantumare. Immancabili le folli gare contro treni, moto da cross o improbabili hovercraft.
Il sistema di crescita, oltre ai nostri followers sarà legato a doppio filo alle nostre vittorie con soldi che serviranno anche per comprare case sparse per la Gran Bretagna.

Il corposo sistema di crescita e sviluppo si arricchisce anche di livelli per ogni tipologia di gara, evento e vettura specifica, abbandonando lo statico sistema dei capitoli precedenti diventando più personalizzato.
A livello di customizzazione c’è da perdere la testa con la possibilità di modificare la targa o il suono del clacson, oltre alle consuete migliaia di opzioni tra modifiche e livree. Come detto anche il nostro protagonista potrà cambiare look con oggetti sbloccabili anche grazie ai vari sistemi a slot machine. Qui i premi non mancheranno ed in poco tempo avremo già un nostro set di vestiti, auto e tanto altro.

ForzaTech Engine Rulez

Come accennato ad inizio recensione siamo davanti ad un piccolo capolavoro di grafica e tecnica.

Inutile dire che su One X Forza Horizon 4 darà il meglio di se, con una risoluzione in 4K a 30fps. Sempre su l’ultima nata del marchio Xbox potremo optare per un 1080p a 60fps per gli amanti del Frame-rate. Quest’ultimo ci è sembrato granitico che conferma l’ottimo lavoro svolto dai ragazzi di Playground Games.
Da segnalare caricamenti più lunghi su Xbox One e One S, ma la qualità anche su queste due console non si discute.

La profondità di campo e di dettaglio ne risente, ma rimane un gioco dal grande impatto grafico.
Le campionature ma anche una colonna sonora di prim’ordine e ci accompagnerà su tutte le strade dell’Inghilterra con la possibilità di cambiare stazione radio a nostro piacimento. Se la playlist mista tra rock, pop o classica non sarà di nostro gusto avremo la possibilità di crearne e caricarne una nostra.

Il lavoro svolto su ogni mezzo è impressionante con la possibilità di osservare gli interni ed ovviamente cambiare la visuale di guida a piacimento. Gli effetti di luce ed ombre sono implementati in maniera realistica anche nel passaggio di macchine su eventuali muri ma saranno disponibili solo abilitando il 4k ed HDR.
Migliora il menù che trova una dimensione più ragionata nella disposizione dei tanti elementi ed opzioni di gioco.

Con un po’ di pratica potremo trovare tutto quello che ci serve anche grazie ad Anna, l’assistente personale già conosciuto nei capitoli precedenti.
Uno neo di Forza Horizon 4 è la mancata locazione nella nostra lingua, per chi fa fatica con la lingua anglosassone dovrà quindi basarsi sui testi nell’angolo in basso a destra, non il massimo per godersi a pieno il titolo.

Vuoi seguirci da vicino o hai altre domande per noi?

Iscriviti alla nostra community su Facebook!