Dopo il lancio della Xbox One X il quadro delle console che ci accompagneranno da qui al 2020-21 è completo.
Da una parte abbiamo l’interessante soluzione Nintendo usufruibile sia in modalità dock che portatile mentre, sia Sony che Microsoft, hanno puntato su macchine performanti per raggiungere il nuovo standard: il 4K.Quale saranno le nuove soluzioni? Su cosa punteranno i colossi videoludici tra quattro anni quando caleranno il sipario sulle nuove console?
Andiamo con ordine.

4k Sdoganato

Partiamo dalla console war preferita quella tra Microsoft e Sony che da quasi vent’anni a questa parte non hanno smesso di stupirci e pure di deluderci.
Se pur con qualche magheggio la Ps4 Pro riesce a portarci a schermo un interessante 4k. Vero upscaling e chekerboard rendering sono all’ordine del giorno dato il quantitativo di memoria limitato, con annesso banda passante, ma il risultato a video è in molti casi stupefacente.

Lo stesso discorso lo si può fare per Xbox One X che riesce a tenere spesso e volentieri un 4k nativo folgorante per chi è munito ovviamente di monitor certificato.
Molti titoli ancora non raggiungono tale traguardo neanche su un hardware performante come quello della nuova console Microsoft, ma rimane un dato molto importante. Il 4k è stato sdoganato e ci accompagnerà sempre in veste migliore, nuovi engine e nuovi pannelli TV, fino alla fine di questa generazione. What’s Next?
A livello puramente di marketing, perché 4k e HDR sono al 50% puro advertising, nel 2020 le due compagnie dovranno inventarsi o portare qualcosa di nuovo.
Una Ps5 che pubblicizzerà un 4k anche a 60fps non avrebbe lo stesso effetto che avrebbe oggi e su questo punto spero di mettere tutti d’accordo. Chiedetelo a Nintendo che all’alba del 2017 si è presentata con una console che balla ancora tra il 720p ed il 1080p. La console della Big N si è lanciata al meglio grazie a grandi titoli, Zelda e Mario per citarne due, ed al fatto che era impossibile fare peggio del Wii U.
Sia Microsoft che Sony saranno chiamate in causa per stupire l’utenza portando qualcosa di nuovo, qualcosa per cui vale la pena investire.
Sony una possibile soluzione l’ha già in casa ed anche Microsoft recentemente si è allineata lanciando con vari partner nuovi ed interessanti visori. La VR è quel qualcosa di nuovo, quello che ne Ps4 pro e ne Xbox One X hanno portato nelle nostre case.
Un conto è innovare un conto è sfruttare al meglio gli standard come 4k, HDR o Dolby Atmos.
Xbox One X è nata al top per quello che abbiamo e che sta entrando nelle nostre case ma non porta assolutamente un reale cambiamento, innovazione, al nostro modo di giocare. Nel 2020 qualcosa dovrà cambiare e non saranno i 60fps a convincere la maggior parte dell’utenza.

Andromeda X

Windows Phone è naufragato schiacciato da una concorrenza che ha annichilito giganti come Nokia, Blackberry, Motorola ed altri vecchi mostri sacri della telefonia mobile.
Microsoft non vuole abbandonare un mercato che potrebbe ancora riservare qualche sorpresa ma per farlo sta lavorando da tempo ad una nuova soluzione, qualcosa di appunto innovativo. Il surface phone non ha mai visto la luce forse in attesa di quello che dovrebbe essere un nuovo sistema operativo, nome in codice Andromeda.
Al momento si sa poco e niente e forse rimarrà uno dei tanti prototipi negli scaffali di Microsoft perché innovare, portare un device con annesso software in produzione costa, ed anche tanto.
Prendiamo come esempio il già tirato in causa PlayStation VR che al momento ha piazzato circa 2 milioni di pezzi. Noccioline. Se qualcuno pensa che in Sony siano rientrati anche in minima parte dei costi di sviluppo si sbaglia di grosso. Anche gli studi che lavorano sui titoli per VR molto probabilmente non se la passano bene con titoli che in breve sono diventati usufruibili anche senza visore.
Se un Uncharted 4 ha venduto X milioni di copie su una base di installazione di quasi 75 milioni di Ps4 fate un piccolo calcolo quanto possa aver venduto il recentissimo The Inpatient. Vero che i giochi per la VR sono pochi ma chi ha il visore ha anche una Ps4 e magari compra titoli come Persona 5, Nioh, Horizon Zero Dawn
Innovare è un rischio ed il fatto che il PS VR riesca a rimanere in pista è puramente grazie alla Ps4 che continua a piazzare record di vendite sia di console che di software. Microsoft sarà chiamata ad innovare come Sony per la prossima generazione di console e se Nintendo potrebbe optare per un Switch 2 cosa faranno i due colossi sempre in lotta tra loro?
La mia risposta è Andromeda X, una console portatile che potrebbe essere usufruibile anche per i visori alla stessa maniera del Galaxy Gear VR.
Il tempo di console da salotto sta volgendo al termine, qualcuno le dava già per spacciate qualche anno fa, ma i tempi stanno diventando sempre più maturi.
Non ho contatti interni con Microsoft e non mi interessa minimamente diventare un “insider” quello che vorrei fare è un esercizio di quello che verrà.
Ripeto i 60fps sono una bella cosa ma durante lo sviluppo di un videogame solitamente sono l’aspetto che viene sacrificato più volentieri a favore di un dettaglio ed asset migliori. Questo è il motivo per cui un 4k a 60fps anche per le nuove console potrebbe non essere uno standard preferendo di gran lunga il 4k con i vari filtri.
Il marketing, la commercializzazione di un prodotto, si muove in acque completamente diverse da quello che realmente viene venduto all’utenza. Deve essere qualcosa di conosciuto, apprezzato, usufruibile e che porta un tangibile miglioramento. Anche puramente estetico come il nuovo design di uno smartphone.
La prossima risoluzione, 8k, è distante anni luce dal diventare realtà dato che non c’è ancora uno standard e soprattutto i produttori TV stanno iniziando a mungere le vacche con il passaggio ai 4k. Per chi non lo sapesse il formato UHD ha cominciato a fare la sua comparsa sulle TV nel 2014 e solo 4 anni dopo stiamo cominciando a vederne la diffusione.
Senza considerare la potenza di calcolo per far girare un videogioco in 8k, che pure i più moderni PC super carrozzati faticherebbero, non ci sono segnali da parte di nessuno nel promuovere tale tecnologia.


Cosa rimane? Un possibile device universale per videogiocare ovunque magari con annessa una libreria di giochi vastissima prendendo come veritiera una possibile acquisizione da parte di Microsoft di un gigante nel campo. Il Continuum di Microsoft, seppur al momento sia in un limbo come tutta la divisione mobile dell’azienda di Redmond, è stato un interessante esercizio di stile.

Questo potrebbe essere applicato nelle future soluzioni nel portare quell’agognato device che possa diventare PC-Smartphone-Console e pure tablet.

Ultime Riflessioni

Considerando che il team Xbox ha cominciato a lavorare al Project Scorpio un anno dopo il rilascio della One possiamo intendere che nel 2019 un piccolo team comincerà a ragionare sul futuro del marchio. Il salto di potenza computazionale non sarà così elevato come quello visto di recente, salvo sorprese a livello tecnologico, dubito che potremo avere una console che possa andare oltre i 12TFOP, ovvero il doppio della One X. Sono più propenso ad un processo di ottimizzazione per rendere il software universale e ad una miniaturizzazione rispetto a un puro sfoggio di potenza. Considerando che nel 2021 forse non avremo più bisogno di una unità storage e di un supporto ottico, il processo di rendere la console un device piccolo e portatile non lo vedo così improbabile.black-friday-nintendo-switch-videogiochi-2017

Nintendo, a mio avviso, non ha anticipato i tempi dato che la soluzione proposta dalla Big N è molto limitata lato software e non è un device universale. Pure Nintendo ha portato nelle case qualcosa di già visto e conosciuto ma con il suo stile e soprattutto i suoi gloriosi ed eterni giochi.
Microsoft potrebbe scendere in campo con un All-In-One per far cambiare radicalmente il concetto non solo del gaming, ma anche quello del lavoro e come usufruiamo dei contenuti multimediali.
Voi cosa ne pensate? Qual è secondo il possibile campo di battaglia su cui combatteranno le due nuove soluzioni gaming di Microsoft e Sony?

See you next time buddies
X-boss Out

Vuoi seguirci da vicino o hai altre domande per noi?

Iscriviti alla nostra community su Facebook!